E’ disponibile in tutte le librerie d’Italia e nei loro canali online il nuovo libro di Dave Ramsey, Libertà Finanziaria di Alise Editore (prezzo 25 euro). Il saggio presenta un programma pratico, creato studiando milioni di persone con le quali l’autore in questi anni

ha interagito durante il suo lavoro in radio, tv, attraverso il web, libri, lezioni, newsletter, podcast e conferenze. Nessun numero magico cambierà la vostra vita, nessun tasso d’interesse o di rendimento sovvertirà improvvisamente tutto. È per questo motivo che io insegno concetti e non formule matematiche. In economia i numeri, le medie e le percentuali possono cambiare col tempo, non accadrà così con le nozioni e i principi che troverete qui”. Questa la premessa dell’autore il cui metodo si è rivelato semplice, geniale e colmo di principi di buon senso rivolti a tutti, indipendentemente dal reddito. Si focalizza su come crescere finanziariamente seguendo consigli fondati sull’oculatezza. La convinzione è che sia necessario cambiare prima di tutto la propria visione del denaro e la propria vita, includendo la capacità di affrontare le questioni spirituali che ruotano intorno alla gestione delle finanze.

Il libro, diventato un best seller con oltre 5 milioni di copie vendute, ha ridato fiducia a milioni di famiglie e donato loro la speranza e la forza di vincere sulle circostanze difficili. Tra le pagine, emergono le storie vere di chi ha vissuto in prima persona questa positiva trasformazione, completate dalle “pillole di Dave” e da falsi miti e verità sul denaro.

L’intuizione non scontata dell’autore è quella di far comprendere ai lettori che per trasformare la percezione che abbiamo del denaro dobbiamo agire su noi stessi e cambiare stile di vita. Quando le persone cominciano a recepire e a fare propri questi principi rifioriscono finanziariamente, azzerano i debiti e iniziano a investire a una velocità incredibile.

Ramsey afferma: “Una cosa di cui sono sicuro è che la finanza personale sia composta dall’80 per cento di azione e solo dal 20 per cento di conoscenza razionale. Focalizzarci sulle nostre abitudini, consapevoli del fatto che gran parte delle persone ha un’idea di cosa fare con il proprio denaro ma è totalmente ignara di come utilizzarlo ci ha permesso di arrivare a considerare la finanza personale sotto una prospettiva diversa. Molti esperti del settore si sbagliano nel loro persistere a mostrare dei numeri pensando che il problema siano i calcoli. Io sono sicuro del fatto che il problema siamo noi. C’è solo un modo per far funzionare le cose: agire. La matematica utilizzata per costruire ricchezza non è astrofisica, tutt’altro, ma bisogna agire”.