di Celso Boscariol, Presidente Camera di Commercio Italiana a Vancouver

Situata sulla costa ovest del Canada, la British Columbia si trova in una posizione geografica strategica tra i mercati asiatici,

pacifici ed europei, conta quasi 5 millioni di abitanti ed è la terza regione più popolosa del Canada. L’economia della provincia, le­gata principalmente alle proprie risorse minerarie e forestali, da diversi anni e’ invece dominata dal settore terziario. Il centro economico è rappresentato dalla citta’ di Vancouver, una delle città più vivibili al mondo sulla base di standard come l’educa­zione, l’eco-sostenibilità, sistema sanitario e infrastrutture. L’ac­cordo bilaterale tra Canada ed Europa, il Ceta, ha portato innu­merevoli vantaggi, tra cui: l’eli­minazione pressoche` totale delle barriere doganali, l’accesso bila­terale agli appalti pubblici, e un reciproco riconoscimento delle qualifiche professionali tra i due Paesi. L’alto livello concorrenziale di questo mercato ed i regimi di tassazione particolarmente favo­revoli completano il quadro, fa­vorendo la crescita e lo sviluppo della regione e incentivando gli investimenti esteri e i flussi mi­gratori di figure professionali qualificate. I principali settori di interesse per le aziende italiane sono; il settore dell’edilizia, delle infrastrutture, della bioedilizia, del cleantech e delle energie rin­novabili; i settori minerario e fo­restale; il settore dell’industria creativa, digitale e cinematogra­fica.  La British Columbia ospita inoltre il supercluster nazionale delle Tecnologie Digitali, con applicazioni ai settori ambienta­le, biomedicale, manifatturiero e agricolo. L'area di Vancouver, continua a posizionarsi inoltre come un mercato di forte interes­se per i beni di consumo di alto livello di origine italiana tra cui: prodotti alimentari, vini, arreda­mento, moda, gioielleria e design in generale. La provincia limitro­fe, quella dell’Alberta, con la sua economia ancora profondamente legata all’industria petrolifera, permane la regione più ricca del Canada nonostante la crisi del 2015 dovuta al crollo del prezzo del barile e al deprezzamento del dollaro canadese. Attualmente l’Alberta persegue la strategia di diversificazione della propria economia in settori diversi da quello petrolifero , ampliando sempre piu` le opportunita` in settori innovativi quali Ict, Bio­medicale, Energie Rinnovabili. Inoltre, essendo la provincia il piu’ grande centro di allevamen­to e di produzione di carne bovi­na del Paese, essa racchiude an­che ottime opportunita’ di inve­stimento nel settore di lavorazio­ne della carne e generalmente nella food processing industry.  Il supercluster nazionale col­locato nelle Province di Alberta, Saskatchewan e di Manitoba e’ quello infatti della “protein indu­stry”. Nuove tecnologie e ricerca sule proteine genomiche sono al­la base del supercluster, il cui obiettivo e’ quello di aumentare il valore delle coltivazioni di col­za, grano e legumi, con l’obietti­vo di rendere il Canada un leader mondiale nella fornitura di pro­teine vegetali. La Camera di Commercio Italiana in Canada West, offre servizi di marketing e di business per le aziende italiane che desiderano espandere le pro­prie attività nel Canada Occiden­tale.  Oltre ad una vasta gamma di servizi promozionali e di attività volte a sviluppare nuovi contatti di business, come ricerca partner e organizzazione B2B, la Camera fornisce anche assistenza al fine di identificare nuove opportunità commerciali e di investimento, organizzazione di incontri per costituzione di una societa’ in Canada e per acquisire informa­zioni sui diversi programmi di aiuti finanziari.

 

 

(Tribuna Economica

© Riproduzione riservata)