Air Liquide ha annunciato la costruzione delle sue due prime unità produttive di biometano in Italia, in collaborazione con il suo partner Dentro il Sole (DIS). I due impianti saranno realizzati rispettivamente a Truccazzano, in provincia di Milano, e Fontanella, Bergamo,

e ricicleranno materiale organico proveniente da attività agricole e zootecniche per convertirlo in biometano, una fonte di energia rinnovabile. Questi investimenti per supportare l'economia circolare sono in linea con gli Obiettivi Climatici del Gruppo e contribuiscono allo sviluppo di una società a basse emissioni di carbonio.

Le due nuove unità produttive, la cui entrata in esercizio è prevista per il secondo trimestre 2021, consentiranno di valorizzare gli scarti agricoli e zootecnici provenienti da aziende agricole locali utilizzandoli per la produzione di biometano liquefatto e saranno dotate di una capacità produttiva complessiva di 3200 tonnellate all'anno, equivalenti a circa 50 GWh/y. In un’ottica di economia circolare, gli impianti saranno inoltre completati da apposite stazioni di servizio per la fornitura di bio-LNG (bio-Liquified Natural Gas) e bio-CNG (bio-Compressed Natural Gas) alle aziende di logistica locali. Aperte 24 ore su 24, 7 giorni su 7, le stazioni potranno rifornire fino a 100 camion al giorno. Air Liquide e DIS infatti realizzano partnership con operatori agricoli locali per produrre biometano destinato al settore dei trasporti.

Air Liquide ha sviluppato competenze lungo l'intera catena di valore del biometano: produzione da scarti organici e agricoli, purificazione, liquefazione, stoccaggio, trasporto e distribuzione. Il Gruppo conta oggi più di 80 stazioni che distribuiscono bio-NGV in Europa e 20 impianti produttivi di biometano nel mondo.