Red Hat, Inc. ha annunciato i risultati finanziari del terzo trimestre fiscale del 2016 “I nostri investimenti in tecnologie e partnership hanno continuato a generare significativi risultati con la trasformazione delle infrastrutture IT dei nostri clienti legate alla sempre maggiore adozione di tecnologie OperSource e del Cloud computing”,

ha dichiarato Jim Whitehurst, Presidente e CEO di Red Hat. “Nel terzo trimestre abbiamo rafforzato la nostra leadership nel segmento dell’Hybrid Cloud aperto introducendo nuove tecnologie e lanciando una partnership strategica con Microsoft e la loro tecnologia Azure Cloud. Le nostre iniziative sono finalizzate a consentire ai clienti di creare, installare e gestire le loro applicazioni in molteplici ambienti e infrastrutture”.

 

“Abbiamo avuto un altro trimestre positive, ottenendo risultati migliori delle stesse previsioni. Questo è il quarto trimestre consecutivo di crescita del fatturato, con un risultato del 20%, che migliora se consideriamo la prestazione su una base di valuta corrente”, ha commentato Frank Calderoni, Executive Vice President, Operations e CFO di Red Hat.“Mentre abbiano continuato a investire nell’azienda, una forte crescita del fatturato ha portato l’utile di esercizio non-GAAP a crescere del 18% e il flusso di cassa operativo a una crescita del 16% alla data per l’anno fiscale 2016”.

 

Fatturato: il fatturato totale del trimestre è stato di 524 milioni di dollari, con una crescita del 15% in dollari USA o del 21% in valuta costante. Il fatturato legato alle sottoscrizioni è stato di 457 milioni di dollari, per una crescita del 16% in dollari USA o del 22% in valuta costante. Il fatturato delle sottoscrizioni ha rappresentato l’87% del totale.

 

Sottoscrizioni e fatturato in dettaglio: il fatturato relativo alle sottoscrizioni nel trimestre è stato di 373 milioni di dollari, con una crescita del 12% in dollari USA o del 18% in valuta costante. Il fatturato relativo alle sottoscrizioni in ambito Application Development nel trimestre è stato di 84 milioni di dollari, con una crescita del 37% in dollari USA o del 45% in valuta costante.

 

Utile operativo: L’utile operativo GAAP per il trimestre è stato di 69 milioni di dollari, con una crescita del 3% anno su anno. Dopo compensazioni azionarie e ammortamenti e costi di transazione relativi a combinazioni di business, l’utile d’esercizio non-GAAP per il trimestre è stato di 123 milioni di dollari, in crescita del 13% rispetto all’anno precedente. Nel terzo trimestre, il margine operativo GAAP è stato del 13,2%, il margine operativo non-GAAP del 23,5%.

 

Utile netto: L’utile netto GAAP per il trimestre è stato di 47 milioni di dollari, pari a 25 centesimi di dollaro per azione, rispetto ai $47 milioni, pari a $0,25 per azione, registrati nel trimestre precedente. L’utile netto compensato non-GAAP per il trimestre è stato di 89 milioni di dollari, pari a 48 centesimi di dollaro per azione, dopo compensazioni azionarie e ammortamenti. Questo dato si rapporta a un utile netto compensato non-GAAP di 79 milioni di dollari, pari a 42 centesimi per azione, registrati nello stesso trimestre dell’anno passato. La media ponderata diluita non-GAAP per azione esclude le diluizioni risultati dalle note convertibili poiché si prevede che ogni diluizione potenziale sia compensata dalle nostre transazioni di note hedge convertibili.

 

Cassa: il flusso di cassa operativo ha raggiunto i 140 milioni di dollari nel trimestre, in aumento del 5% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente. La disponibilità totale di cassa tra contanti, equivalenti ed investimenti, era di 1,87 miliardi di dollari in data 30 novembre 2015, dopo il riacquisto di azioni comuni per 78 milioni di dollari, o circa 987.000 azioni, condotto nel corso del terzo trimestre. In data 30 novembre 2015, il saldo rimanente nell’attuale autorizzazione di riacquisto era di circa 352 milioni di dollari.

 

Fatturato differito: Alla fine del trimestre l’azienda contava su un fatturato differito di 1,49 miliardi di dollari, in crescita del 14% rispetto all’anno precedente. L’impatto negativo derivante dalle fluttuazioni valutarie sul fatturato differito totale è stato di 78 milioni di dollari anno su anno. Calcolato in valuta costante, il fatturato differito totale sarebbe cresciuto del 20% anno su anno.

 

Previsioni: Al 17 dicembre 2015, Red Hat prevede condizioni di mercato e di cambio valutario simili alla parte di anno già trascorsa. Per l’intero anno: La previsione di fatturato è aumentata da 2,044 miliardi di dollari USA a 2,048 miliardi. La previsione per l’utile operativo GAAP dell’anno fiscale è del 14,1% con un utile non-GAAP di circa il 23,5%. La previsione per gli utili GAAP diluiti per azione è di circa 1,05 dollari per azione. La previsione per gli utili non-GAAP diluiti per azione è di circa 1,86 dollari. Gli utili per azione GAAP e non-GAAP sono basati su una previsione di 1 milione per trimestre di altre entrate, un’aliquota fiscale effettiva del 29% annuo e 186 milioni di azioni diluite in circolazione La previsione del flusso di cassa operativo è aumentata da 695 milioni a 705 milioni.

 

Per il quarto trimestre: La previsione di fatturato è aumentata da 535 milioni di dollari USA a 539 milioni

La previsione per l’utile operativo GAAP dell’anno fiscale è del 13,3% con un utile non-GAAP di circa il 22,5%.

La previsione per gli utili GAAP diluiti per azione è di circa 26 centesimi per azione. La previsione per gli utili non-GAAP diluiti per azione è di circa 47 centesimi. Come indicato in un comunicato del 16 ottobre 2015, la previsione degli utili per azione comprende un aumento di 4 milioni di dollari delle spese operative – pari a 2 centesimi per azione – legati all’acquisizione di Ansible, Inc. 

 

Riconciliazione GAAP non-GAAP:

La previsione dell’utile operativo non-GAAP per l’intero anno fiscale è ottenuta sottraendo l’impatto stimato delle compensazioni azionarie, pari a circa 163 milioni di dollari, all’ammortamento dei beni immateriali, pari a circa 26 milioni e a costi di transazione legati a combinazioni di mercato per circa 4 milioni. La previsione dell’utile operativo non-GAAP diluito per l’intero anno fiscale è ottenuta sottraendo le spese elencate sopra e l’impatto sull’intero anno delle spese non in contanti legate agli interessi derivanti da un accrescimento dello sconto sul debito di circa 19 milioni di dollari.

 

La previsione sul margine operativo non-GAAP del quarto trimestre è ottenuta sottraendo l’impatto stimato delle compensazioni azionarie pari a circa 42 milioni di dollari e dell’ammortamento di beni non tangibili per circa 7 milioni. La previsione dell’utile operativo non-GAAP diluito per il quarto trimestre è ottenuta sottraendo le spese elencate sopra e l’impatto sull’intero anno delle spese non in contanti legate agli interessi derivanti da un accrescimento dello sconto sul debito di circa 5 milioni di dollari.