CCIR

Cogne Acciai Speciali S.p.A., tra i leader mondiali nella produzione e distribuzione di prodotti lunghi in acciaio inox, al carbonio e legati con sede legale e principale unità produttiva ad Aosta e stabilimenti in Cina, Svizzera e Messico,

ha emesso un nuovo Minibond da 15 milioni di euro che è stato sottoscritto per 10 milioni da Cassa Depositi e Prestiti, anchor investor dell’operazione, e per la restante parte da Iccrea BancaImpresa (la Banca corporate del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea) e, in misura minoritaria, da altri investitori.

Il Minibond sarà quotato all’ExtraMOT Pro di Borsa Italiana, segmento dedicato alla quotazione di obbligazioni destinate ad investitori istituzionali. L’operazione, riservata unicamente ad investitori professionali, ha una durata di 7 anni (fino a giugno 2026) con rimborso amortising a partire da dicembre 2021 e cedola annua del 3,5%.

Le nuove risorse andranno a supporto degli investimenti in tema di prevenzione e miglioramento dell’inquinamento atmosferico, contemporaneamente agli interventi a supporto della crescita. In particolare per il 2019 sono previsti nell’area Acciaieria due importanti investimenti diretti in tema ambientale che prevedono la realizzazione di una cabina fonoassorbente (dog house) per l’abbattimento delle emissioni sonore e la riduzione delle emissioni diffuse e l’ampliamento della cappa di aspirazione del convertitore AOD e delle relative tubazioni per il miglioramento delle emissioni diffuse.

Gli investimenti previsti nel 2019 per le attività di efficientamento energetico e riduzione delle emissioni di Co2 si focalizzano invece sulla sostituzione dei bruciatori di vecchia generazione attualmente utilizzati con bruciatori moderni ad alto rendimento, che permettono risparmi di consumo di gas naturale di oltre il 50% rispetto ai bruciatori installati e sull’aggiornamento dei sistemi di taglio ad ossigeno consentendo di diminuire il consumo di combustibile utilizzato nell’attività.

Il Gruppo Cogne Acciai Speciali, presieduto da Giuseppe Marzorati, opera dal 1916 ed impiega più di 1.400 dipendenti, con un indotto di almeno 400 persone. Lo stabilimento produttivo di Aosta è la principale realtà industriale della Regione Autonoma Valle d’Aosta. Il Gruppo Cogne ha chiuso il 2018 con oltre 600 milioni di euro di ricavi, un ebitda di 60,4 milioni di euro ed un indebitamento finanziario netto di 85,4 milioni.

Banca Finint e ADB Corporate Advisory hanno svolto rispettivamente il ruolo di arranger e advisor dell’operazione.

Lo studio legale Simmons&Simmons ha agito in qualità di deal legal counsel e advisor legale degli investitori. Lo studio legale NCTM ha invece svolto il ruolo di advisor legale della società emittente.