CCIR

Cristoforetti Servizi Energia S.p.A. ha chiuso la sottoscrizione dei Minibond da 8 milioni di Euro. La prima tranche era stata sottoscritta a giugno 2019 per 4 milioni di Euro dal Fondo Strategico Trentino-Alto Adige,

anchor investor dell’operazione. La restante parte è stata ora sottoscritta da Banca Popolare dell’Alto Adige per un milione di Euro, da Euregio Plus SGR per 2 milioni di Euro, e per il restante milione di Euro da Cassa di Risparmio di Bolzano.

Nell’operazione Banca Finint ha svolto il ruolo di Arranger, mentre lo Studio Legale Toniolatti & Associati e lo studio Commercialisti Associati Bortolotti & Conci hanno svolto rispettivamente il ruolo di Advisor legale e finanziario della società emittente.

Le nuove risorse andranno a supporto del Piano Industriale triennale (2019-2021) che prevede investimenti per 18 milioni di Euro nell’efficientamento energetico e, di conseguenza, nella riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti dovute agli impianti di climatizzazione. In particolare, per il biennio 2019-2020 sono già previsti investimenti per circa 6,5 milioni di Euro sul sistema edificio-impianto per importanti commesse pubbliche aggiudicate in Lombardia e Veneto.

 

Cristoforetti Servizi Energia S.p.A., presieduta da Giorgio Gatti, opera da oltre 25 anni nel settore dell’efficientamento energetico ed impiega ad oggi 107 dipendenti, con un indotto di almeno altre 50 aziende per servizi che vengono esternalizzati. Cristoforetti Servizi Energia S.p.A. ha chiuso il 2018 con oltre 39 milioni di Euro di ricavi e un EBITDA di 4,8 milioni di Euro.