Stampa

La società di investimenti inglese EOS IM è riuscita in soli 3 anni a fare un’operazione di private equity da manuale, rendendo Poplast un gioiello al top mondiale dell’imballaggio ecosostenibile (vedi sotto premi ricevuti). Uno dei temi fondanti dell’attuale crisi ambientale

è proprio il packaging, e riuscire oggi a renderlo sostenibile non era impresa facile. Ma non solo.

Poplast è un caso scuola per il PE ITALIANO. Classica azienda manifatturiera del nord Italia nel 2016, con 36 mio di ricavi e 80 dipendenti, opera esclusivamente nel mercato italiano. Arriva EOS IM, e mette in pista “tutta la serie di azioni da manuale che prevede il PE, riuscendo nell’impresa di portare a termine perfettamente ognuno di essi, in soli 3 anni”, dice Ciro Mongillo, ad e fondatore di EOS IM. Come c’è riuscita? Allineamento di interessi con il manager che investe insieme a EOS nel progetto ( attuali amministratori).

Inserimento di altri manager su linee commerciali nazionali e internazionali.

Forte Fosuc su ESG e in modo particolare su tema ambientale ( vedi nota investimento a seguire )

Si procede con l’acquisizione del ramo d’azienda di SALA prima e di FM PLASTIC a seguire entrando quindi in nuovi paesi e nuovi mercati.

IL tutto porta a conquistare i mercati internazionali che oggi valgono il 25% dei ricavi, a raddoppiare i ricavi in soli 3 anni e a raddoppiare i dipendenti , con margini più che raddoppiati.

Si conclude con l’avvio di un processo di vendita a soli 3 anni dall’acquisizione, che finirà come sappiamo.

In questi 6 punti sono racchiusi tutti i valori del PE : allineamenti di interessi, M&A, manager , Internazionalizzazione, crescita, ESG. Poplast ha ricevuto a giugno il PREMIO GRANDE INDUSTRIA per la sua crescita esponenziale. Nata nel 1975 come produttrice di buste in plastica per negozi; nel 1985 orienta il proprio sviluppo produttivo all’ imballaggio flessibile, specializzandosi nel packaging alimentare. Oggi, grazie a EOS IM, si pone tra i primi 5 converter d’imballaggio flessibile alimentare in Italia. Opera in un complesso aziendale di 28.500 m2 di cui 18.000 coperti.