CCIR

FCA chiude il primo trimestre con risultati che riflettono gli impatti del COVID-19. Perdita netta di 1,7 miliardi di euro e perdita netta adjusted di 0,5 miliardi di euro. Nonostante l’effetto significativo del COVID-19 il Gruppo ha conseguito un EBIT adjusted positivo.

Liquidità disponibile a fine marzo a 18,6 miliardi di euro, ulteriormente rafforzata con una linea di credito di 3,5 miliardi di euro siglata in Aprile.

Il Gruppo è pronto a riprendere la produzione quando le condizioni lo consentono, con misure intraprese a protezione dei dipendenti ed a sostegno delle comunità in cui opera, gestendo al contempo la liquidità e la solidità finanziaria.

Con l’evidenziarsi della gravità dell’epidemia da COVID-19 il team alla guida di FCA ha messo in atto misure rapide e decisive a tutela dei dipendenti e delle comunità operando nel contempo per proteggere la capacità reddituale e la liquidità del Gruppo. In tale direzione è stata sospesa temporaneamente la produzione in tutti gli stabilimenti, si è attivato il lavoro a distanza dove possibile e innalzati i protocolli di sanificazione in tutte le strutture. Il Gruppo ha inoltre posticipato tutte le spese non essenziali, ridotto significativamente i costi di marketing e la retribuzione per quasi tutti gli impiegati e dirigenti è stata ridotta o differita. Per rafforzare ulteriormente la liquidità, in aprile è stata sottoscritta una linea di credito ponte verso il mercato dei capitali da 3,5 miliardi di euro. Il Gruppo continua a valutare tutte le opzioni di finanziamento e si aspetta di accedervi con tempi e modalità ragionevoli al fine di rafforzare ulteriormente la struttura patrimoniale e incrementare la liquidità per ottimizzare la flessibilità finanziaria.

Nonostante le difficoltà operative causate dalla crisi, il Gruppo sta facendo leva sulle proprie risorse e ingegno per fornire un’ampia gamma di iniziative a supporto delle comunità in tutte le Region. Stiamo producendo mascherine facciali per operatori sanitari e primi soccorritori, con oltre 1 milione di pezzi consegnati.

Stiamo inoltre collaborando con produttori di apparecchiature medicali in Italia e negli Stati Uniti per supportare la produzione di ventilatori polmonari, altre attrezzature medicali e dispositivi di protezione individuale. Il Gruppo ha anche finanziato borse di studio per l’accesso a scuole di medicina, creato un ospedale da campo in Brasile ed altri due sono in costruzione in Argentina e Brasile oltre ad aver fornito supporto finanziario per iniziative quali la fornitura di un milione e mezzo di pasti a bambini bisognosi.

Abbiamo lavorato in sintonia con tutti gli stakeholder coinvolti per formulare ed implementare robusti piani di riavvio della produzione e delle vendite non appena i governi nelle varie giurisdizioni lo consentano. Considerando il riavvio con successo in Cina delle attività nella nostra Joint Venture e della rete di vendita e la ripresa della produzione nel nostro impianto di veicoli commerciali di Atessa il 27 aprile scorso, operativo al 70% della sua capacità, siamo confidenti sulle nostre prospettive. Nelle altre Region il riavvio della produzione sarà graduale e allineato alla domanda del mercato.

Anche il ritorno al lavoro negli uffici e sedi è iniziato e proseguirà gradatamente, con un parallelo ampio ricorso al lavoro in remoto. Nonostante questa situazione inattesa e senza precedenti, FCA e Groupe PSA rimangono impegnate alla fusione paritetica (50/50) volta alla creazione di un leader mondiale nella mobilità. Insieme, continuiamo a portare avanti i diversi filoni di attività finalizzati alla fusione e confermiamo l’impegno a chiudere l’operazione entro la fine del 2020 o all’inizio del 2021.

Come già comunicato il 18 marzo 2020, a causa del protrarsi dell’incertezza sulle condizioni di mercato e delle restrizioni all’operatività in essere a livello regionale in relazione all’evolversi della pandemia da COVID-19, il Gruppo ha ritirato la Guidance per il 2020 e fornirà un aggiornamento non appena vi sia una maggiore visibilità dell’impatto complessivo della crisi.