Il Consiglio di Amministrazione di Generalfinance ha approvato i risultati al 30 settembre 2020 – redatti secondo i principi contabili internazionali IAS/IFRS – che evidenziano un utile netto

pari a 4,1 milioni di Euro, in significativa crescita (+30%) rispetto all’analogo periodo del 2019 e un patrimonio netto a 21,4 milioni di Euro.

Nei nove mesi Generalfinance registra un’ottima performance reddituale. Il margine di intermediazione ammonta a 12 milioni di Euro (+24% rispetto allo stesso periodo del 2019), mentre il ROE[6] annualizzato è pari al 32%, a conferma dell’elevata redditività del business model.

Il margine di interesse si attesta a 2,8 milioni di Euro circa, in aumento del 14% rispetto al 2019. Le commissioni nette sono pari a 9,2 milioni di Euro, in crescita del 28%. La dinamica di questi due aggregati risente dell’evoluzione particolarmente positiva del turnover, pari a 506 milioni di Euro (+25% anno su anno), a testimonianza della positiva performance commerciale ed operativa della Società nel periodo.

I costi operativi, pari a 5,4 milioni di Euro, aumentano del 19%, meno che proporzionalmente rispetto al trend dei ricavi, evidenziando la capacità di Generalfinance di controllare i costi amministrativi e di ridurre progressivamente il cost/income ratio[7], pari a circa il 45% e in miglioramento rispetto al 47% del 2019. Tenuto conto di rettifiche di valore particolarmente basse - cost of risk[8] pari a 9 basis point - e di imposte stimate in 2,1 milioni di Euro, il risultato netto di periodo si attesta a 4,1 milioni di Euro, a fronte di 3,2 milioni di Euro registrati lo scorso anno.