Il Consiglio di Amministrazione di Generalfinance ha approvato il nuovo Piano Industriale che delinea il percorso di crescita nell’orizzonte triennale 2021-2023, con cui la Società intende consolidare ulteriormente il proprio ruolo di principale operatore nel mercato italiano

del factoring nel segmento delle imprese distressed. Il connubio tra implementazione della strategia e contesto macroeconomico - che sarà caratterizzato dalla crescita del mercato per via degli effetti dell’emergenza sanitaria sui livelli di default delle aziende - porterà il turnover, in arco di Piano, a oltre 1,5 miliardi di Euro nel 2023 (da 761 milioni di Euro nel 2020, con un CAGR annuo del 26,7%, sostanzialmente in linea con quanto verificatosi nel precedente triennio) con circa 10 milioni di Euro di utile netto e una redditività sul patrimonio netto superiore al 33% a fine 2023.

Sono previsti, all’interno del Piano, ulteriori investimenti indirizzati all’implementazione della piattaforma informatica; nel 2021, 1,2 milioni di Euro dedicati allo sviluppo della Pratica Elettronica di Fido, al miglioramento della piattaforma di front/back-office, alla gestione di nuovi prodotti, che vanno a sommarsi ai 700mila euro del 2020. Per il 2022 e il 2023, sono previsti 600mila euro all’anno di ulteriori investimenti IT, per innovazione strutturale e cyber-security, digital business, business intelligence.