Cardano (ADA) diventa la seconda cryptoasset più scambiata da inizio anno dopo il bitcoin. Secondo i dati di eToro, gli investitori stanno aumentando la diversificazione delle loro esposizioni alla ricerca del “prossimo bitcoin”. In Italia, Cardano ha visto una crescita degli scambi

effettuati sulla piattaforma eToro del 161% mese su mese (+157% a livello globale), spinta dalla forte performance di prezzo prima della “Mary hard fork”, in atto dal primo marzo. La fiducia del mercato ha spinto Cardano al nuovo massimo di sempre a $1,4536 (su eToro) toccato nell’ultima settimana di febbraio, con gli investitori che hanno apprezzato le notizie riguardo lo sviluppo dell’aggiornamento “Goguen”. eToro è una delle poche piattaforme regolamentate su cui i clienti privati possono tenere Cardano, cosa che potrebbe spiegare almeno in parte la crescita di attività di trading sulla piattaforma nel mese di febbraio.

Un’altra cryptoasset in fermento in febbraio è stata IOTA (MIOTA) che ha visto una crescita degli scambi del 274% in Italia mese su mese (+265% a livello globale), che l’ha proiettata tra le prime cinque monete in termini di volumi su eToro. La spinta alla domanda è avvenuta per effetto delle dichiarazioni del suo cofondatore, Dominik Schiener, che ha annunciato l’ormai prossimo lancio del tanto atteso “digital assets framework”. L’aggiornamento “Chrysalis” al network della blockchain “internet delle cose” permetterà di scambiare sulla piattaforma senza ritardi, e in maniera più veloce e più efficiente.  La continua tendenza alla diversificazione nel mondo dei cryptoasset ha visto un’impennata della domanda da parte di clienti privati di Binance, con un incremento degli scambi a quattro cifre (+1066%) in Italia, rispetto a un aumento del 1047% a livello globale, sempre mese su mese. Attività più che raddoppiata sia su Tron che su Dash, rispettivamente in rialzo del 198% (+174% a livello globale) e del 132% (+125% a livello globale) rispetto a gennaio.

Bitcoin continua a restare saldamente sul gradino più alto del podio di febbraio quale moneta più scambiata su eToro e questo nonostante un calo del 24% della domanda. Ha vissuto un mese di forte volatilità, toccando un picco di $58.142 prima di subire un ritracciamento, ampiamente previsto, fino a quota $43.000 e poi recuperare. Questa correzione del mercato è stata diffusa e ha interessato anche la domanda di ethereum. La crypto ha visto un calo del 12% degli scambi su eToro, toccando il minimo del mese a quota $1.300 prima di risalire.