Il Consiglio di Amministrazione di Almawave S.p.A ha approvato il progetto di bilancio di esercizio al 31 dicembre 2020 e il bilancio consolidato al 31 dicembre 2020 che si chiude con ricavi pari a 26,9 milioni di euro, in crescita del 26,1% a cambi correnti rispetto

all’esercizio precedente (+29,0% a cambi costanti). L’Amministratore Delegato di Almawave, Valeria Sandei, ha commentato: “Il 2020 è stato un anno decisamente sfidante ma grazie al lavoro, alla qualità e all’innovazione messe in campo da Almawave siamo riusciti a realizzare risultati importanti che confermano la bontà dell’indirizzo strategico e industriale intrapreso illustrato alla comunità finanziaria durante il recente percorso di quotazione. I ricavi sono aumentati in maniera molto importante, consolidando il posizionamento aziendale sia rispetto ai clienti esistenti sia in termini di nuovi clienti, e su tutte le linee di offerta. La crescente esigenza di digitalizzazione e innovazione, resa ancor più stringente dall’emergenza da Covid-19, ha rafforzato l’evoluzione del business con la Pubblica Amministrazione. Sono soddisfatta anche della quota di fatturato realizzata fuori dal mercato domestico e dell’aumento in generale della clientela, salita del 18%. Infine, il portafoglio ordini di 72 milioni di euro, pari a 2,7 volte i ricavi annui, ci fa guardare con ottimismo all’esercizio in corso e al percorso di crescita dei prossimi anni”.

A cambi costanti i ricavi sono pari a 27,5 milioni di euro, di cui 23,6 milioni di euro (+33% rispetto all’anno precedente) realizzati in Italia e 3,9 milioni di euro (+10%) all’estero. Le commesse ricevute dalla Pubblica Amministrazione pesano per 17,3 milioni di euro (+49% sul 2019) mentre quelle del mondo Enterprise e Trasporti raggiungono i 10,2 milioni di euro (+5%). I ricavi legati alle piattaforme di prodotto sono pari a 10,4 milioni di euro (+25%) mentre quelli generati dai servizi big data & digital transformation a 17,1 milioni di euro (+31%). Particolarmente importante il risultato dei ricavi generati dai clienti USA ed Europa che evidenziano una crescita del 127%, in attuazione delle linee guida strategiche della società.

L’Ebitda si attesta a 6,2 milioni di euro (23,0% sui ricavi dell’anno) e l’Ebit a 3,7 milioni di euro (13,7% sui ricavi). Entrambi gli indicatori di redditività, analizzati al netto dei benefici fiscali ottenuti negli ultimi due esercizi a fronte degli investimenti in R&S sostenuti, evidenziano una forte crescita: l’Ebitda sale del 27,3% rispetto al 2019 e l’Ebit del 34,2%.  L’utile netto del 2020 è pari a 1,3 milioni di euro (2,3 milioni nel 2019), variazione spiegata integralmente da una riduzione dei contributi R&D. Il flusso di cassa netto da attività operativa prima degli investimenti è pari a 9,6 milioni di euro, in crescita del 53% sul dato 2019. Gli investimenti effettuati nel corso dell’esercizio sono pari a 4,6 milioni di euro, il 17,2% dei ricavi, con un’incidenza in calo di circa 400 punti base rispetto all’esercizio precedente. La posizione finanziaria netta al 31 dicembre 2020, che non include i proventi derivanti dalla recente operazione di IPO avvenuta l’11 marzo 2021, è pari a 13,8 milioni di euro, in deciso miglioramento rispetto all’anno precedente (15,7 milioni di euro nel 2019). Il Gruppo Almawave chiude il quarto trimestre con ricavi pari a 8,8 milioni di euro, in crescita del 14,3% rispetto allo stesso periodo del 2019. L’Ebitda ammonta a 2,2 milioni (pari al 24,8% dei ricavi), l’Ebit a 1,6 milioni (18,5%) e l’utile netto a 1,0 milioni (11,2%), evidenziando un trend positivo negli indicatori reddituali.