Stampa

Angelini Holding – holding industriale dell’omonimo Gruppo, multinazionale italiana presente in 26 Paesi con 5.700 dipendenti, che opera nei settori farmaceutico, consumer (cura della persona e igiene della casa e dei tessuti, alimenti per l’infanzia

e lo svezzamento), macchine industriali, vitivinicolo, profumeria e dermocosmesi ha chiuso il bilancio consolidato 2020 con un valore dei ricavi delle vendite e delle prestazioni pari a 1,699 miliardi di euro, in aumento del 3,8% rispetto al 2019 (1,637 miliardi di euro).  Il margine operativo lordo si attesta a 259,28 milioni di euro (pari al 15,26% dei ricavi) in aumento del 18,44% (+40,36 milioni di euro) rispetto ai 218,92 milioni del 2019 (pari al 13,37% dei ricavi). L’utile ante imposte è pari a 159,906 milioni di euro, in crescita del 14,6% rispetto al 2019. L’utile netto è invece di 130,86 milioni di euro, rispetto ai 149,21 milioni di euro dell’esercizio precedente per effetto di ammortamenti, accantonamenti, rettifiche di valore e a un aumento di imposte per oltre 38 milioni di euro. Oggi Angelini è un gruppo industriale diversificato e multinazionale presente in 26 Paesi con un forte radicamento in Italia, dove viene generato e lavorato il 67% dei ricavi, lavorano 4.005 dipendenti sui 5.700 totali e sono attivi 6 dei 12 siti produttivi complessivi. I restanti ricavi provengono da Paesi dell’Unione Europea (25,1%), dall’Europa non comunitaria (3,71%) e dal resto del mondo (USA, Cina: 4,09%).

Presenza internazionale e composizione dei ricavi

Il gruppo Angelini è, ad oggi, presente in 26 paesi del mondo: Italia, Austria, Belgio, Bulgaria, Cina, Danimarca, Finlandia, Francia, Romania, Germania, Grecia, Islanda, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Russia, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera, Turchia, Ungheria.

Ripartizione per società e aree di business

I 1,699 miliardi di euro di ricavi del 2020 risultano così composti: 1,005 miliardi (59,17%) sono generati dal settore farmaceutico, 591,542 milioni di euro dall’area consumer (34,8%; include i settori cura della persona e della casa con FATER, vitivinicolo con Bertani Domains e profumeria e dermocosmesi per Angelini Beauty), 94,786 milioni di euro dalla produzione di macchinari industriali con Fameccanica (5,57%) e 6,649 milioni di euro dall’immobiliare (0,39%). Completano il quadro 857.000 euro di ricavi da business secondari. Nei dodici mesi di esercizio è stata definita una nuova struttura organizzativa del Gruppo: questo nuovo assetto riflette la strategia di sviluppo del Gruppo, che punta a crescere attraverso la diversificazione, l’interesse per nuove aree di business e le acquisizioni.

Ricerca & Sviluppo

Grande importanza riveste per il Gruppo Angelini l’area di Ricerca e Sviluppo su cui nel 2020 sono stati investiti 92 milioni di euro (pari al 5,4% dei ricavi).

Partecipazioni finanziarie

Il Gruppo, tramite Angelini Partecipazioni Finanziarie Srl, detiene alcune partecipazioni finanziarie, che rappresentano una diversificazione rispetto al business industriale, quali Tamburi Investment Partners Spa, Mediobanca, Unicredit, Prysmian, Eataly e Talgo per citare le più importanti, oltre ad alcuni club deals e fondi di private equity. L’esercizio 2020 chiude con un patrimonio netto di 171 milioni e un utile netto di 11.