I fondi patrimoniali sovrani sono l'ultima classe di investitori che si concentra sempre più su prodotti incentrati sulla sostenibilità. Il coinvolgimento arriva quando gli investitori continuano a spingere i gestori patrimoniali a concentrarsi sui prodotti ambientali, sociali e di governance (ESG)

. Secondo i dati acquisiti da Finbold , gli investimenti dei fondi sovrani nello spazio ESG sono aumentati a livello globale del 215,27% tra il 2020 e il 2021, da $ 7,2 miliardi a $ 22,7 miliardi. Nello stesso periodo, il numero di accordi è aumentato da 19 a 37. Nel 2019 l'investimento è stato di 5,2 miliardi di dollari, mentre nel 2018 la cifra era di 6 miliardi di dollari, in leggero calo rispetto al valore del 2017 di 6,6 miliardi di dollari. Negli ultimi sei anni, il 2016 ha registrato l'investimento minimo a 3,7 miliardi di dollari. Altrove, nel 2021, il coinvolgimento degli SWF nello spazio petrolifero e del gas è sceso del 46,92% a 6,9 miliardi di dollari dalla cifra di 13 miliardi di dollari del 2020. L'anno scorso ha registrato anche gli accordi più bassi di petrolio e gas a 8. Nel 2019, gli investimenti sono stati di 12,7 miliardi di dollari. Gli SWF hanno anche pompato $ 7 miliardi di investimenti neri per il 2017, scendendo dal valore del 2016 di $ 10,4 miliardi.

Il rapporto evidenzia le implicazioni dell'aumento degli investimenti dei fondi sovrani in vari fondi incentrati sulla sostenibilità. Secondo il rapporto di ricerca: “La crescita dell'anno scorso indica che lo spazio ESG ha un appeal finanziario per gli investitori e gli SWF svolgono un ruolo cruciale. In generale, i SWF sono in una posizione unica per promuovere l'agenda ambientale globale, ESG e investire in determinati prodotti è il primo passo". In generale, la crescente attenzione agli ESG arriva quando gli investitori cercano di integrare i rischi aziendali ambientali, sociali e di governance sperando di ottenere rendimenti migliori. Questo concetto si sta ora diffondendo rapidamente nei mercati dei capitali a livello globale.