Stampa

Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti SpA (CDP), presieduto da Giovanni Gorno Tempini, ha approvato la relazione finanziaria semestrale consolidata al 30 giugno 2022, presentata dall’Amministratore Delegato e Direttore Generale Dario Scannapieco

. Il CdA ha anche approvato nuove operazioni per oltre quattro miliardi, che comprendono finanziamenti, rinegoziazioni e risorse addizionali per i plafond a sostegno di territori e imprese. Di questi, un miliardo dedicato all’istituzione di un plafond per finanziamenti a medio e lungo termine per le imprese colpite dalla crisi geopolitica ed energetica connessa al conflitto in Ucraina. Inoltre, in linea con il Piano Strategico 2022-2024 è stata varata la Policy ‘Diversità, Equità e Inclusione’ finalizzata a promuovere questi valori all’interno e all’esterno del Gruppo. Nel Consiglio dello scorso mese di giugno era stata invece approvata la prima Policy generale di finanziamento responsabile.

Nel primo semestre dell’anno, il Gruppo Cdpha avviato gli interventi su tutti i tre pilastri trasformativi indicati dal Piano: i) Istituto promozionale di sviluppo, ii) advisory e gestione di fondi di terzi e iii) strategie settoriali e policy di finanziamento e investimento. Con riferimento agli strumenti finanziari attivati come Istituto promozionale di sviluppo, nel semestre il Gruppo Cdp ha impegnato risorse per circa 11,5 miliardi, in linea con gli 11,6 miliardi del primo semestre del 2021 e con un focus crescente su impieghi ad alto impatto per il Paese. L’attività del Gruppo ha consentito l’attivazione di investimenti per complessivi 28,5 miliardi di euro, con un effetto leva di 2,5 volte le risorse impegnate nel periodo. Con riguardo agli ulteriori due pilastri del Piano, tra le iniziative del semestre si evidenziano: l’avvio del sostegno di Cdp alle amministrazioni titolari degli interventi Pnrr, con attività di advisory e gestione di fondi pubblici, l’approvazione delle prime tre linee guida strategiche settoriali, del Piano ESsge della Policy generale di finanziamento responsabile. In merito alle voci patrimoniali, il totale attivo di Cdp SpA si attesta a 411 miliardi, in lieve riduzione rispetto al dato di fine 2021 (413 miliardi), con uno stock di crediti in crescita a 116 miliardi (114 miliardi a fine 2021). Con riguardo ai risultati economici, l’utile netto di Cdp SpA è di circa 1,5 miliardi, in crescita di oltre 120 milioni (+9%) rispetto al primo semestre dello scorso anno. Un risultato raggiunto nonostante la riduzione dei proventi derivanti dalla gestione del portafoglio titoli. L’utile netto consolidato è pari a 3,7 miliardi (1,4 miliardi nel primo semestre 2021), un incremento riconducibile in gran parte al contributo di ENI (+1,7 miliardi rispetto al primo semestre 2021).