Il Gruppo chiude con un utile netto pari a 26,5 milioni di euro in incremento del 36,0% rispetto al primo semestre del 2021. In particolare, è da segnalare il forte miglioramento registrato tra primo e secondo trimestre con i fatturati che nel periodo aprile – giugno 2022 hanno addirittura sovraperformato

lo stesso periodo del 2019 (+3,5%). Queste performance mostrano come ci sia sempre di più la tendenza da parte dei consumatori a visite meno frequenti ai centri commerciali ma più mirate all’acquisto: ad esempio lo scontrino medio del mese di giugno, pari a 27,6€, è in aumento del +17,3% rispetto allo stesso mese del 2019. Al 30 giugno gli indicatori finanziari risultano in crescita, con il net rental income pari a 57,1 milioni di euro, in incremento del +2,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre a perimetro omogeneo risulta in incremento del 16,0%, l’Ebitda della gestione caratteristica è pari a 51,8 milioni di euro, in incremento del 2,3% con un margine pari al 71,3%, e la gestione finanziaria complessiva è pari 14,3 milioni di euro. Inoltre, l’utile netto ricorrente (Ffo) è pari a 34,0 milioni di euro, in incremento del +11,0% rispetto al 30 giugno 2021. Tenuto conto delle dinamiche operative quali, in particolare, lo slittamento nell’apertura di Officine Storiche a Livorno, le nuove commercializzazioni che avranno effetti economici diluiti nel corso del secondo semestre, l’incremento significativo delle spese energetiche dei centri commerciali e le prospettive per i prossimi mesi, caratterizzate da incertezze nel quadro macroeconomico e politico, pur considerando i buoni risultati conseguiti dal Gruppo Igd nel primo semestre 2022, in linea con le previsioni di budget, la Società ha elaborato una nuova stima per la guidance Ffo 2022, che conferma una crescita rispetto al 2021 pari a +2/3% (ovvero +17/18% tenuto conto della cessione di asset a fine 2021), anche se inferiore rispetto a quanto comunicato a febbraio.