L’ottavaedizione del Nordic Film Fest, si svolgerà dal 2 al 5 maggio 2019 alla Casa del Cinema di Roma, una rassegna di film nordici a cura delle quattro ambasciate nordiche presenti in Italia

(Danimarca, Finlandia, Norvegia e Svezia) e con la collaborazione del Circolo Scandinavo di Roma.

Anche quest’anno con una vasta gamma di film, documentari, e – naturalmente— ospiti svedesi in programmazione.

Il tema del Nordic Film Fest 2019 è Borders/ Confini, non solo in senso geografico ma anche tra “mondi”, modi di essere e di pensare diversi.

Il tema è fortemente presente nei film svedesi che abbiamo scelto per voi quest’anno. I primi due parlano della vita della famosa scrittrice Astrid Lindgren. Oltre ad aver scritto Pippi Calzelunghe, Emil di Lönneberga, Karlsson sul tetto e tanti altri libri, Lindgren è stata una vera pioniera che ha influenzato la politica svedese coinvolgendo i bambini nel dibattito pubblico democratico.Il lungometraggio che quest’anno aprirà il Nordic Film Fest, Becoming Astrid, ci farà scoprire come la scrittrice, da giovane, ha infranto le rigide norme della società dei primi del ‘900, per poter seguire il suo cuore. La proiezione avrà luogo il 2 maggio e verrà presentata dalla protagonista del film Alba August, affiancata dal produttore Lars G Lindström. Sullo stesso tema, il 3 maggio verrà presentato anche il documentario Astrid, basato su materiale di archivio unico che racconta non solo la vita della scrittrice ma anche la Svezia di quel periodo – perché la storia di Astrid per molti versi è la storia della Svezia del XX secolo.

Nella stessa giornata, nell'Auditorium dell'Ambasciata di Finlandia, si svolgerà un incontro dedicato a sceneggiatori e scrittori, in collaborazione con Writer’s Guild Italia sul tema: LA SCRITTURA HA UN GENDER?

Un altro film svedese che tocca il tema del festival di quest’anno è il pluripremiatoBORDER – Creature di Confine di Ali Abbasi che verrà proiettato il 4 maggio. Tina, ufficiale di dogana, è nota per il suo olfatto eccezionale: riesce a fiutare il senso di colpa. Un incontro le farà scoprire che tutta la sua esistenza non è stata che una menzogna e che dovrà scegliere se continuare a vivere una bugia o accettare la sconvolgente verità. Come il grande successo Lasciami entrare uscito nel 2008, BORDER – Creature di Confine è tratto da un romanzo di John Ajvide Lindqvist ed è un incrocio tra realismo e fantasia. Dopo la proiezione segue un Q&A con il produttore del film, Piodor Gustafsson.

Quest’anno troviamo anche nel programma del Circolo Scandinavo una produzione svedese: We are like Oranges di Cecilia Gärding, anche lei sarà presente per un Q&A. Il lungometraggio, che verrà proiettato il 4 maggio, affronta il tema del razzismo in Svezia in una sorta di saga ispirata ad Alice nel paese delle meraviglie.

L’ultimo film svedese in programma, Goliath, il 5 maggio, è una storia di persone che vivono ai margini, o se vogliamo ai confini. Parla di una famiglia disfunzionale in una cittadina industriale svedese. Il patrimonio sociale e le aspettative negative hanno un tale potere che sono impossibili da sconfiggere. “Goliath” si affida principalmente a attori dilettanti che interpretano i ruoli con grande abilità. Il film ha vinto 4 Guldbagge Awards, tra cui miglior attore e migliore sceneggiatura.

Ambasciata di Svezia - Roma