Le attività volte al raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi, l'impatto dei risultati delle elezioni presidenziali statunitensi sulla loro attuazione e le sfide e le opportunità della trasformazione energetica in Polonia, sono stati i principali temi discussi durante l'evento

organizzato dal think thank americano Atlantic Council. Durante la COP24, i negoziatori di 196 paesi e dell'Unione Europea hanno sviluppato il Pacchetto Katowice, che contiene regole, procedure e linee guida che descrivono l'attuazione degli obblighi contenuti nell'accordo di Parigi. La 24a Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici organizzata in Polonia può quindi essere considerata come il primo passo nell'attuazione dei presupposti dell'accordo e la prova che si può costruire un ponte tra la solidarietà internazionale e gli interessi nazionali. ..

"Il 2020 doveva essere una pietra miliare nei negoziati globali sul clima, quando i singoli paesi dovevano presentare il loro contributo all'implementazione delle ipotesi climatiche (Nationally Determined Contributions). Abbiamo contato sulla conclusione dei negoziati sui meccanismi di mercato e sull'inizio dei colloqui sugli obblighi finanziari globali dopo il 2025 a novembre. Tuttavia, la pandemia e di conseguenza il rallentamento economico, hanno influenzato il ritmo della cooperazione internazionale sulle soluzioni climatiche globali. Nel prossimo anno dovremo tornare su queste importanti questioni”, ha affermato il ministro Michał Kurtyka. Come ha sottolineato il Ministro del Clima e dell'Ambiente durante la riunione, ora è fondamentale fissare obiettivi realistici e passare rapidamente dalla fase di negoziazione all'attuazione di misure specifiche per la neutralità climatica. Allo stesso tempo, è importante assicurarsi che qualsiasi azione intrapresa dai governi per affrontare la crisi climatica sia svolta in modo socialmente equo.

Conto sul ritorno degli Stati Uniti all'accordo di Parigi, come annunciato dal presidente eletto. Il coinvolgimento della diplomazia statunitense nei negoziati sul clima aiuterà sicuramente a trovare compromessi alla COP26 del prossimo anno. Non solo per la professionalità del Dipartimento di Stato, che è molto apprezzato in questo processo, ma anche perché lo stallo in cui è entrato il processo di negoziazione sul clima alla COP25 di Madrid, è stato in una certa misura una reazione all'annuncio formale degli Stati Uniti di lasciare Parigi "- ha aggiunto il ministro per il clima e l'ambiente. La presenza degli Stati Uniti nell'Accordo di Parigi è fondamentale per il successo delle misure per combattere il cambiamento climatico, in cui l'UE e il Giappone si sono impegnati a raggiungere la neutralità climatica nel 2050, e la Cina, che vuole diventare neutrale nel 2060. La Polonia è anche attivamente coinvolta nel processo di lotta per la neutralità climatica. Il Ministero del Clima e dell'Ambiente nel settembre di quest'anno. ha presentato la bozza di una nuova versione della Politica energetica del Paese fino al 2040. Secondo questo documento, la Polonia deve affrontare la sfida di costruire un nuovo sistema energetico nei prossimi 20 anni. Nel processo di questa grande trasformazione, la trasformazione inclusiva è una priorità.

 

Ambasciata di Polonia - Roma