Il Ministro dell'Economia e dell'Energia della Repubblica Federale di Germania, Peter Altmaier, parteciperà in veste di ospite d’onore e keynote speaker al Ricevimento annuale della Camera di Commercio Italo-Germanica (AHK Italien). Sarà presente con un videomessaggio

anche il Ministro per lo Sviluppo Economico Stefano Patuanelli.  In vista dell’evento, il Ministro federale Altmaier ha dichiarato: «Faccio i miei migliori auguri alla AHK Italien per il suo centenario e spero che il futuro continui a vederci collaborare in modo ottimale. Ora è importante che l'economia europea esca più forte dalla crisi e sia pronta alle sfide a venire. Una profonda collaborazione con l'Italia, così come con gli altri Stati membri dell'UE, sui principali fronti dell’innovazione è fondamentale a tal fine. Stiamo già collaborando strettamente con l'Italia sull’Industria 4.0 e vogliamo continuare a sviluppare insieme questo tema. Anche sulle questioni economiche chiave per il nostro futuro, quali la trasformazione digitale ed ecologica, abbiamo bisogno di stretta cooperazione in Europa. Come possiamo vedere dai progetti lanciati con successo per la produzione europea di celle per batterie, siamo riusciti a riportare la creazione di valore in Europa: anche le aziende italiane e tedesche sono protagoniste di queste iniziative e pertanto di un grande successo comune europeo. Insieme e con lo sguardo rivolto in maniera decisa in avanti, riusciremo a trovare la via d'uscita dalla crisi».

Sulla stessa linea anche Jörg Buck, Consigliere Delegato della AHK Italien: «Festeggiamo il nostro centenario, ma lo sguardo resta rivolto al futuro: alle sfide che stiamo affrontando insieme nel contesto della ripresa e alle opportunità che ci aspettano all’interno di un’Unione Europea che ci auspichiamo possa diventare sempre più coesa. Perché è proprio in questa parentesi storica che stiamo gettando le basi per altri cento anni di profonda collaborazione tra Italia e Germania».

Claudio Picech, Presidente AHK Italien, ricorda infine come la Camera sia «uno dei pilastri della joint production italo-tedesca. In questi cento anni, i nostri due Paesi si sono dimostrati in grado di crescere insieme, attraversando le dinamiche internazionali più diverse. Lavoreremo per continuare a essere un punto di riferimento per la nostra community e per tutte le realtà italo-tedesche».