di Stefano Piermaria

In occasione della visita ministeriale compiuta in Italia, nell'ambito del G20, la Dott.ssa Tatiana Clouthier, Ministro dell'Economia

del Messico, ha partecipato a una conferenza stampa, presso la sede dell’Ambasciata del Messico a Roma. Ad accoglierla S.E. Carlos Garcia de Alba, Ambasciatore del Messico in Italia e la Dott.ssa Letizia Magaldi, Presidente dell’Associazione Economica del Messico in Italia (Aemi).

Quelle di Messico e Italia sono due economie complementari – ha dichiarato la ministra nel suo intervento di saluto - che insistono su culture simili, ma che hanno bisogno di mettere a sistema le relazioni per sviluppare a pieno il loro potenziale commerciale. Una relazione - ha ricordato la Clouthier - che ha già dato frutti importanti nel recente passato. L'aver per anni comprato macchinari da Paesi come l'Italia e la Germania, ha permesso al Messico di 'accendere il motore' e diventare una potenza mondiale nella produzione e nell'esportazione di manifattura. Il paese latino, - ha proseguito – è parte di una regione, l’America del nord, che ha da poco siglato il nuovo trattato commerciale (United States-Mexico-Canada Agreement, Usmca), strumento che ha permesso di rafforzare le singole economie così come fare fronte alle sfide geopolitiche internazionali”.

Nel corso dell’incontro all’Ambasciata, presenti tanti imprenditori ospiti, sono stati illustrate le possibilità di sviluppo nelle relazioni commerciali e le strategie da realizzare per ampliare la Comunità Aemi, l’Associazione Economica del Messico in Italia, con l’obbiettivo di farla diventare la prima Camera di Commercio Messicana in Italia. Aemi ha un programma molto ampio di incontri e punta a promuovere una missione di “Sistema Messico-Italia” nel 2022. L’Associazione è stata costituita nell’ottobre 2020 da un gruppo di sette piccole, medie e grandi imprese di varie filiere industriali, con l’obiettivo comune di consolidare ed estendere i legami industriali, commerciali, culturali, turistici, scientifici e accademici tra i due Paesi. A confortare positivamente queste prospettive, il dato che Italia è il 13° partner commerciale del Messico a livello globale, mentre il Messico è il principale mercato in America Latina per i prodotti e servizi italiani, con un commercio bilaterale che supera i 6 miliardi di dollari. L’Aemi dunque, può svolgere un importante ruolo come spazio di dialogo e scambio di idee, progetti e proposte a livello di sistema Paese, al fine di rafforzare ulteriormente le relazioni Italia-Messico con un approccio multidisciplinare e multisettoriale.

Con Aemi il nostro lavoro non terminerà con la creazione della Camera di Commercio, anzi. Il nostro obiettivo è quello di creare il Sistema Messico in Italia” - ha detto l’Ambasciatore Carlos Garcia de Alba, ricordando le recenti stime della Cpal per la crescita del Messico nel 2021: “l'agenzia prevede che l'economia del Messico crescerà del 6,2% quest'anno e la colloca tra le nazioni latinoamericane che avranno la crescita più alta nel 2021”. Numeri che dimostrano il potenziale dell'economia messicana nel periodo post-Covid.

L’Aemi, ha spiegato la presidente Letizia Magaldi, ha sin qui riunito 21 tra grandi, medie e piccole imprese, ma altre cinque hanno chiesto di aderire a un percorso che vuole rendere più dinamico lo scambio economico tra i due paesi”. Magaldi, che è anche Vice President Corporate Development di Magaldi Green Energy, ha ricordato le 1800 imprese italiane già presenti nel paese latinoamericano, di cui 150 con siti produttivi in loco, per investimenti che superano i sette miliardi di dollari e le 250 imprese messicane in Italia, con due miliardi di dollari investiti. “Servono accordi transnazionali tra imprese per affrontare sfide che corrono a un ritmo sempre più veloce. Tra le prime azioni messe a regime – ha sottolineato la Presidente – c’è la creazione di un gruppo di lavoro ad hoc sulla tecnologia, per accompagnare e incentivare la nascita di startup e di progetti di innovazione”.

Tecnologia, agroalimentare e turismo. Sono tre settori industriali che rientrano tra i principali in Messico e che offrono ancora grandi spazi per crescere. Il Messico è la 15a economia mondiale per PIL e la seconda più importante in America Latina (Banca Mondiale, 2020), gli anni pre-pandemia hanno visto una crescita costante di +2% del PIL. È l'11° esportatore a livello mondiale e primo dell’America Latina (OMC, 2020). Il Paese è una piattaforma logistica mondiale, tramite 14 accordi di libero scambio con le principali economie del mondo in America, Europa e Asia: ha così un accesso preferenziale in 50 paesi. In questo quadro, le relazioni economiche tra Italia e Messico sono particolarmente solide, ancor di più dopo la recente modernizzazione dell’Accordo Globale Messico-UE che assicura una linea preferenziale al commercio tra l’Italia e il Messico. L’accordo elimina i dazi del 99% sullo scambio commerciale tra il Messico e l’UE, di cui l’86% corrisponde alla industria agroalimentare, compreso il riconoscimento di 64 denominazioni di origine italiane e, per la prima volta, il Messico aprirà le gare d’appalto pubbliche a livello statale.