Segno meno per l’industria manifatturiera novarese nel secondo trimestre 2020: tra aprile e giugno si riscontra una flessione sia della produzione, in discesa del -16% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, sia del fatturato, in calo del -16,3%.

Rispetto alle altre aree piemontesi che partecipano alla 195a “Indagine congiunturale sull’industria manifatturiera”, Novara si posiziona al quinto posto nella classifica decrescente delle performance provinciali relative sia alla produzione che al fatturato. Tutti i territori, pur con diversa intensità, evidenziano flessioni a due cifre, con un calo medio regionale che si attesta al -15,3% sia per la produzione che per il fatturato.

L’indagine del II trimestre 2020 vede coinvolte nel Novarese 213 imprese, per un totale di oltre 10.200 addetti ed un fatturato superiore ai 3,5 miliardi di euro.

«Si tratta di risultati attesi, dal momento che il trimestre di riferimento include la fase acuta del lockdown, segnata dalla chiusura e dal fermo di molte attività» commenta Maurizio Comoli, presidente della Camera di Commercio di Novara. «I cali appaiono condivisi da imprese di ogni classe dimensionale e settore, ad eccezione dell’alimentare, con prospettive future segnate dall’incertezza.

Nell’approfondimento dedicato al credito, le imprese indicano nei contributi pubblici a fondo perduto il principale strumento di liquidità: a questo proposito la Camera di Commercio ha esteso i termini di adesione al bando Novara Restart fino al 15 ottobre, con possibilità di presentare domanda integrativa per le richieste inferiori al massimale previsto, pari a 3.000 euro per ciascuna impresa».

Settori. La diminuzione della produzione industriale, pari complessivamente a -16% nel secondo trimestre 2020, è condivisa da tutti i principali comparti di attività economica, ad eccezione dell’alimentare, che si mantiene pressoché stabile. Appaiono, invece, in netta discesa le performance di tessile-abbigliamento (-33,4%), metalmeccanico (-23,4%) e chimica-gomma-plastica (-10,7%).

Fatturato. Analogo il quadro dei risultati relativi al fatturato: rispetto al secondo trimestre 2019 il valore complessivo delle vendite evidenzia una flessione del -16,3%. Anche in questo caso il dato risente dei forti cali evidenziati da sistema moda (-37,9%), chimica-gomma-plastica (-22%), metalmeccanico (-15,5%, con le rubinetterie a -16,3%), cui si contrappone l’incremento messo a segno dall’alimentare (+4%).

Lo scenario del fatturato relativo ai mercati esteri appare caratterizzato da un calo ancora più generale: la diminuzione media si attesta infatti al -16,4% e discende dalle flessioni registrate da tutti i comparti, che vanno dal -6% dell’alimentare al -27,5% del tessile abbigliamento.

Nuovi Ordinativi. L’analisi della domanda evidenzia un calo sia delle commesse estere, in discesa del -22,2% rispetto all’anno precedente, sia di quelle interne, che diminuiscono del -18,6%. Dal punto di vista settoriale gli unici risultati favorevoli sono quelli messi a segno dall’alimentare sul fronte domestico (+1,9%) e su quello estero (+2,4%), mentre tutti gli altri comparti scontano un calo a due cifre degli ordinativi.

FOCUS Relazioni Finanziarie. Le relazioni finanziarie sono state il tema del questionario di approfondimento trimestrale presentato alle aziende coinvolte dall’indagine. Alla domanda: “Quale è stato il principale effetto negativo della pandemia?” un terzo delle imprese ha segnalato problemi coi clienti/ordini cancellati, il 24,8% la chiusura e/o limitazione all’attività, mentre il 15,1% le difficoltà finanziarie.

Tra i fattori ritenuti di maggior impatto sulla situazione finanziaria dell’impresa vi sono i costi dei protocolli di sicurezza (indicati nel 44,8% dei casi), i ritardi dei pagamenti da parte di privati (42,2%) e le difficoltà nel sostenere le spese correnti (40,1%), seguiti dai costi del magazzino (26,8%).

I benefici sfruttati con maggior frequenza per sostenere la liquidità sono i contributi pubblici a fondo perduto (segnalati nel 37,8% dei casi), cui si aggiungono il credito bancario garantito da altri (35,7%), la cancellazione di saldo e acconto Irap (22,9%) e le moratorie (21,7%), tenendo conto che nel 27,5% dei casi le imprese hanno dichiarato di non aver fatto ricorso a nessuno dei benefici indicati.

Per quanto riguarda il rapporto con i propri fornitori, nel primo semestre l’85,8% delle imprese è riuscita a rispettare le scadenze dei pagamenti, mentre non è stato possibile per il 13,2% degli intervistati, ma solo l’1% ha sospeso i pagamenti.

Sul fronte clienti, invece, in oltre la metà dei casi i clienti non sempre hanno rispettato le scadenze dei pagamenti, arrivando nel 10,7% dei casi a sospenderli, mentre sono stati rispettati con puntualità per il 37,6% delle imprese.