CCIR

Grazie alla crescente professionalizzazione del settore agricolo e ai progressi nei macchinari e nella tecnologia, negli ultimi 20 anni l'agricoltura brasiliana ha registrato una crescita significativa che

pone il paese tra i leader globali del settore. Per prepararsi alla prossima fase di incremento generale della produttività, il Brasile deve investire al fine di garantire la diffusione della connettività nell'intero settore agricolo. A tale scopo, CNH Industrial N.V. in collaborazione con altre sette aziende, ha messo a punto ConectarAGRO, un'iniziativa destinata a consolidare e ampliare l'accesso a Internet in tutti i distretti agricoli del Brasile.

L'iniziativa consentirà ai produttori rurali di beneficiare appieno delle attuali tecnologie di Precision Farming, delle risorse tecnologiche digitali e automatizzate e, allo stesso tempo, dell'accesso a un'intera gamma di nuovi prodotti e servizi resi fruibili dalla connettività, il che si tradurrà in un perfezionamento complessivo della loro attività. Questa iniziativa servirà inoltre a ottimizzare ulteriormente le macchine agricole di Case IH e New Holland, le macchine movimento terra CASE Construction Equipment e New Holland Construction e i veicoli commerciali IVECO.

«Il sistema fornirà la connettività per l'intera flotta dell'azienda agricola, riunendo macchine, persone e altri dispositivi in un unico sistema», ha affermato Gregory Riordan, Responsabile delle tecnologie digitali presso CNH Industrial, Sud America. «In questo senso, ConectarAGRO sarà la chiave per le aziende agricole brasiliane che mirano ad aumentare ulteriormente la loro produttività e competitività su scala globale».

ConectarAGRO promuoverà tecnologie aperte e standardizzate, consentendo maggiore libertà e flessibilità per l'agricoltore, ovvero l'utente finale di queste tecnologie. Questa impostazione è ciò che distingue ConectarAGRO dalle altre soluzioni tecnologiche già disponibili, molte delle quali seguono una logica "chiusa", limitando quindi l'interoperabilità tra i vari sistemi, richiedendo maggiori investimenti e rendendo più difficile la loro implementazione su larga scala.