CCIR

BMW Group è ben preparato a reagire in qualsiasi momento in modo rapido e deciso ai nuovi sviluppi durante la pandemia del coronavirus, identificando sistematicamente potenziali scenari. Questo approccio è tanto più importante dato che il BMW Group

prevede che le conseguenze della pandemia limiteranno le attività dell'intera industria automobilistica per un certo periodo a venire. Inoltre sta diventando evidente che i volumi di consegna nei mercati chiave non torneranno alla normalità nel giro di poche settimane. Il BMW Group sta sviluppando strategie per i diversi scenari ed è pronto ad adottare misure aggiuntive per salvaguardare la sua posizione finanziaria e utilizzare la sua forza di fondo per mantenere la rotta in questa fase difficile.

Allo stesso tempo, il BMW Group è profondamente consapevole della propria responsabilità di datore di lavoro e in quanto parte integrante della società. Il gruppo promuove la protezione e la salute dei propri dipendenti e si sforza di raggiungere il miglior equilibrio possibile per garantire il successo duraturo dell'impresa. Il BMW Group sta inoltre aiutando le autorità pubbliche a procurarsi dispositivi di protezione individuale, fornendo veicoli per organizzazioni umanitarie e ha anche iniziato a produrre maschere respiratorie. Zipse ha continuato dicendo: "Stiamo facendo tutto il possibile per sfruttare la nostra esperienza per combattere il virus. Stiamo contribuendo a proteggere la salute pubblica. Allo stesso tempo, stiamo anche facendo la nostra parte per aiutare il rilancio dell'economia e la ripresa della vita pubblica in numerosi Paesi. Entrambi questi fattori sono estremamente rilevanti e possono funzionare solo all'unisono".