CCIR

Cracovia è un 'laboratorio' dove la creatività e l'innovazione stanno contribuendo a valorizzare la tradizione e la storia della cultura del cibo dell'intero Paese. La città che fu capitale della Polonia dal 1038 al 1596,

è capoluogo della regione più ricca di prodotti tradizionali, IGP e DOP, la Małopolska o Piccola Polonia e gode di una straordinaria ricchezza del territorio. Cracovia è la nuova Capitale Europea della Cultura Gastronomica 2019. Il riconoscimento conferito dall'Accademia Europea della Gastronomia è stato festeggiato con un evento organizzato nei giardini dell'Ambasciata della Repubblica di Polonia a Roma con una serata di degustazione 'Assaggi di Cracovia'. Due gli chef presenti all'evento Michal Cienki e Wiktor Kowalski di ART, uno dei ristoranti storici e più premiati, che hanno interagito con gli ospiti in un cooking show costruito su un menù iconico della tradizione locale. ART è uno dei ristoranti d'autore che offrono uno sguardo fresco alla cucina polacca che negli ultimi anni si sta reinventando, attingendo ad antiche tradizioni e ai prodotti locali per proporre dei piatti che riflettono la varietà culturale e naturalistica del territorio.

Con il loro tocco moderno e l'attenzione alla presentazione dei piatti, gli chef hanno fatto rivivere l'eleganza della cucina dell'antica capitale della Polonia e le sue varie influenze storiche. Al fianco degli chef, sia Federica Piersimoni, influencer, che di recente ha visitato Cracovia e conosciuto da vicino il suo universo gastronomico, che Giulio Rossi, fondatore di ricettedellanonna.net., si sono cimentati nella realizzazione delle portate; il risultato è poi stato gentilmente offerto agli ospiti presenti. “Sono felice per il successo dell’evento e ringrazio tutti i nostri ospiti per aver condiviso questa serata di festa. Così come ringrazio l’Ambasciata di Polonia per la preziosa collaborazione. Da mesi stiamo comunicando l’universo della cucina polacca attraverso la campagna on-line #Polognam, e questo momento conviviale è stato l’occasione per uscire da un contesto virtuale e per aiutare il pubblico italiano a scoprire qualcosa di più dei sapori della Polonia”. “ART, uno dei ristoranti d’autore storici di Cracovia, ci ha aiutato a fornire uno sguardo fresco sulla nostra cucina che negli ultimi anni si sta reinventando, attingendo ad antiche tradizioni e ai prodotti locali per proporre dei piatti che riflettono la varietà culturale e naturalistica del territorio, l’eleganza della cucina dell’antica capitale della Polonia e le sue varie influenze storiche.”, ha dichiarato Barbara Minczewa, Direttrice dell’Ente Nazionale Polacco per il Turismo. I formaggi DOP, le carni (come la carne d'agnello della regione di montagna, il Podhale, o la salsiccia lisiecka, le mele di Lack, le prugne di Sechna, i fagioli 'Piekny Jas' e molti altri prodotti hanno acquisito negli ultimi anni una nuova identità e vengono proposti in modo innovativo. Cracovia sta, dunque, vivendo una rinascita anche dal punto di vista della ristorazione. Ne sono testimoni le migliori guide di settore: nella guida Michelin sono elencati 26 ristoranti della città, nella Gaullt et Millau quasi il doppio, 8 ristoranti vengono raccomandati dall'associazione Slow Food.