La decisione del Governo di rimborsare il 10% dei pagamenti effettuati con carte di credito, debito, bancomat  e altre forme elettroniche su una spesa dai 3 mila euro in poi annui a tutti i cittadini è un provvedimento  - dichiara la Presidente  di Federturismo Confindustria Marina Lalli

-  che servirà non  solo a limitare sensibilmente l’evasione fiscale, ma anche a favorire i microconsumi, stimolando la domanda e contribuendo a far ripartire l’economia.

Un ulteriore aspetto positivo della misura è che il rimborso, avvenendo in  due tranche semestrali, di cui una sarebbe in estate e l'altra a fine anno, rappresenterà un aiuto per incentivare il turismo ed incoraggiare le famiglie a partire per le vacanze.