Ha preso il via la fase di acquisto dei libri per l’anno scolastico che inizierà a settembre. E se da sempre è una voce di costo significativa per le famiglie, quest’anno potrebbero esserlo ancora di più: secondo l’Istat, infatti, l’inflazione a giugno è salita all’8% (mai così alta dal 1986),

che si traduce in una spesa più cara per 2.457€ per una famiglia tipo, e per 3.192€ per una famiglia con due figli. Rincari che, inevitabilmente, pesano sul portafoglio delle famiglie alle prese con il rientro “sui banchi di scuola”. “Tra pandemia e inflazione, questi sono stati anni turbolenti per l’editoria in generale, e per quella scolastica in particolare: basti pensare alla didattica a distanza, all’aumento del costo della carta e dell’energia e a quello dei trasporti - commenta Edoardo Scioscia, Amministratore Delegato e tra i soci fondatori di Libraccio – In questo contesto, l’esperienza specializzata sul mondo della scolastica diventa imprescindibile: per noi in primis che, sia come librai fisici che digitali online, avendo intercettato le nuove edizioni già a gennaio, siamo riusciti a muoverci in anticipo contenendo gli effetti dei rallentamenti nelle forniture e ad avere per tempo i testi disponibili in libreria; e poi per le famiglie, che sempre più spesso trovano nella figura del libraio un aiuto fondamentale per orientarsi negli acquisti. Nei negozi Libraccio, infatti, i librai addetti alla categoria scuola suggeriscono strategia di spesa e di vendita, consigliano i mix ideali tra nuovo e usato, aiutano ad ottimizzare la spesa nei casi di famiglie con più figli, offrono momenti di confronto (e di conforto) ai genitori.” Nata dall’esperienza dei mercatini della scolastica usata degli anni ‘70, Libraccio accompagna da quarant’anni generazioni di famiglie e studenti nel rientro a scuola con un’offerta unica costruita su due capisaldi: il risparmio, reso possibile innanzitutto da un approccio “circolare” al libro di scuola (e al libro in generale) con la compravendita dei libri usati sia nelle librerie che online su Libraccio.it - che permette di risparmiare fino al 50% sui libri di testo - oltre al lavoro di ricerca e scontistica sul nuovo; e la figura del libraio, sempre più centrale per le famiglie nel definire le migliori strategie di acquisto in vista dell’inizio del nuovo anno scolastico, non solo sui libri ma anche sulla cartotecnica. All’expertise dei librai Libraccio e al risparmio sull’acquisto dei testi usati, che può arrivare fino al 50%, si aggiungono poi una serie di vantaggi e garanzie a tutela di studenti e famiglie: il servizio di assicurazione, che garantisce l’acquisto in caso di cambio scuola, se la classe viene sciolta, se il professore cambia testo o vuole l'edizione aggiornata, se c'è un errore nella lista, e lo sconto del 15% sulla cartoleria (zaini, quaderni o diari) o sull’usato non scolastico per chi decide di acquistare i libri di scuola nuovi. Sul sito Libraccio.it, inoltre, è possibile trovare le stesse opportunità dei punti vendita fisici, e in più la comodità di consultare direttamente online le liste di tutte le scuole, di selezionare la propria classe verificando la disponibilità dei testi e poi effettuare l’acquisto in pochi click, con la spedizione dei testi direttamente a casa. “La nostra esperienza sulla scolastica, sia con le nostre 58 librerie distribuite su tutto il territorio italiano che con l’online su Libraccio.it, è un fattore che concorre a consolidare la posizione di Libraccio come punto di riferimento per gli acquisti degli studenti di tutta Italia. Per quanto concerne le comunità cittadine - conclude Edoardo Scioscia di Libraccio - le famiglie passano più volte dalla libreria tra giugno e settembre alla ricerca di libri usati, facendo del Libraccio anche un luogo di aggregazione pre-scolastico per genitori e ragazzi che poi si incontreranno sui banchi di scuola”.