I primi sei mesi del 2022 si sono caratterizzati per una crescita delle esportazioni nella maggior parte delle principali destinazioni. La Germania si conferma al primo posto in termini di valore assoluto di esportazioni (quasi 300milioni di euro) con un incremento rispetto allo stesso

periodo del 2021 del +15,1%. A crescere in Germania sono state soprattutto le vendite dei prodotti chimici, dei mezzi di trasporto, dei mobili e del cuoio. Anche nel resto dell’Europa i dati sono stati positivi con la Francia che ha mantenuto la seconda posizione con un valore complessivo di esportazioni di oltre 220milioni di euro ed un incremento sul 2021 del +24,5%. Seguono la Spagna (+27,5%), l’Austria (+46,4%), il Regno Unito (+7,7%). Uscendo dall’Europa, un buon passo in avanti si registra anche negli Stati Uniti (+41,1%), grazie a mezzi di trasporto, meccanica, calzature, mentre flessioni riguardano i paesi orientali come Cina (-23,9%), Hong Kong (-7,9%) e Vietnam (-18%).