Parte la nuova edizione di Busy Ness Women - MadreFiglia, il percorso formativo gratuito organizzato da Regione Toscana e Unioncamere Toscana che promuove l’imprenditoria femminile in Toscana. Il progetto, realizzato con 

 

continuità dal 2007, per il 2013 si articolerà in cinque edizioni; le prime ad avviarsi saranno Firenze, Grosseto e Pisa, ad Arezzo e Carrara le restanti. Per ciascuna area geografica potranno partecipare 36 candidate (24 Mente e 12 Mentor). Il percorso, che si rivolge a donne residenti o domiciliate nella nostra regione, utilizza la sperimentata tecnica del mentoring. Le azioni di mentoring consistono in una tecnica di accompagnamento in base alla quale un soggetto esperto si occupa dell’accrescimento e sviluppo professionale di un esordiente, con il  quale stabilisce una relazione interpersonale al fine di trasferirgli le proprie competenze ed esperienze acquisite.

Si possono candidare come Mentor donne con esperienza di impresa da almeno tre anni, che abbiano ricoperto o ricoprano attualmente ruoli di responsabilità, e come Mentee neo-imprenditrici o aspiranti tali interessate a valutare e sviluppare una propria idea di impresa.  Il percorso formativo “Busy Ness Women – MadreFiglia” è strutturato in due fasi strettamente correlate: la prima comprende la formazione specifica, su temi come la redazione del Business Plan, l’analisi di bilancio, il controllo di gestione; la seconda si articola su un percorso didattico che Mentor e Mentee affronteranno insieme e sarà volto, da un lato, a promuovere e supportare la creazione di relazioni e legami tra le partecipanti per lo sviluppo di relazioni utili al potenziamento delle attività imprenditoriali stesse, dall’altro, ad accrescere il know tecnico su materie di comune interesse.  In Toscana l’imprenditoria femminile rappresenta circa ¼ del tessuto imprenditoriale regionale. Nel corso del 2012 le imprese femminili hanno registrato un incremento dello 0,8%, attestandosi al 24,2% del totale imprese registrate a fine anno in Toscana. Nell’anno passato la dinamica dell’imprenditoria femminile è risultata in leggero miglioramento rispetto al 2011, quando il tasso di crescita era stato pari al +0,7%.