Cerba HealthCare Italia acquisisce il gruppo societario a cui fa capo il Centro Diagnostico Basile di Napoli. La sede italiana dell’organizzazione internazionale Cerba HealthCare prosegue così il proprio piano di espansione che l’ha resa rapidamente un primario operatore

su scala nazionale nella diagnostica ambulatoriale e nelle analisi cliniche. «Sarà il nostro secondo hub italiano e lo sarà in continuità con la guida pluridecenennale del Dott. Eugenio Basile, anima del gruppo», afferma Stefano Massaro, CEO di Cerba HealthCare Italia. Dopo la creazione di un polo sanitario in Lombardia e Piemonte, con 12 centri medici e 27 centri prelievo, «l’acquisizione della struttura campana ci permette di essere presenti anche nel centro e nel sud Italia. Dal centro Basile, realtà di altissimo livello e tradizione, partiamo per dare vita a un nuovo progetto di aggregazioni territoriali».
La strategia di Cerba HeathCare Italia è infatti quella di «integrare un numero sempre maggiore di strutture sanitarie con l’obiettivo di valorizzare le capacità e la tradizione espresse da un dato territorio grazie all’impulso innovativo di Cerba HealthCare, gruppo consolidato a livello internazionale, forte di un centro di ricerca di statura mondiale e di un know-how all’avanguardia», spiega il CEO. Una strategia che ha permesso a Cerba HealthCare Italia di crescere di sette volte in soli quattro anni.

Il Centro Diagnostico Basile di Napoli, con alle spalle più di 60 anni di storia, è stato fondato nel 1957 da Augusto Basile, specialista in Patologia clinica dedicato alla medicina di laboratorio. Nel tempo il centro è cresciuto e si è sviluppato affermandosi fin dagli anni Settanta come punto di riferimento all’avanguardia per la diagnostica. Una strategia che è stata portata avanti dal figlio Eugenio quando nel 1981, in seguito alla prematura scomparsa del padre, ha preso in mano le redini del centro. Da studente in Medicina quale era ai tempi, Eugenio Basile ha ultimato il proprio percorso formativo fino alla specializzazione in Patologia clinica e proseguito sulla strada dello sviluppo continuo della struttura; a lui si sono nel tempo affiancate sua madre e le sue sorelle Laura e Virginia, entrambe biologhe. Il centro Basile è oggi una rete di servizi per la diagnostica di laboratorio e strumentale, ma anche un centro tecnologicamente avanzato per la medicina nucleare e la radiologia, con strumentazioni d’avanguardia e un moderno sistema di digitalizzazione delle immagini. Si articola su sette sedi dove operano 77 dipendenti e che si avvale di un elevato numero di professionisti nelle diverse specialistiche mediche abbracciate dal gruppo; ogni anno eroga servizi a oltre 200 mila pazienti.
L'attività del centro diagnostico Basile prevede esami di laboratorio con sevizi di analisi cliniche, radiologia diagnostica con risonanza magnetica aperta, Tac 3D, medicina nucleare con scintigrafie e ricerca di patologie a carattere focale, in regime di convenzione con il Sistema Sanitario Nazionale oppure in solvenza diretta a costi accessibili.
In seguito all’acquisizione, Eugenio Basile rimane alla guida del centro Basile come membro del Consiglio di Amministrazione e Direttore Operativo.