La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Prosegue ad agosto il trend positivo del mercato dell’usato che sulla scia del forte incremento delle prime iscrizioni registra variazioni mensili positive sia nel settore delle autovetture sia in quello delle due ruote.  I passaggi di proprietà delle quatto ruote, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a

nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), ad agosto hanno messo a segno un incremento mensile del 9%, con la vendita di 174 autovetture di seconda mano per ogni 100 autovetture nuove (140 nei primi otto mesi dell’anno).

In aumento anche i passaggi di proprietà dei motocicli, che al netto delle minivolture hanno chiuso il bilancio di agosto con una variazione mensile positiva del 4,9%.

Complessivamente nel periodo gennaio-agosto 2017 si evidenziano incrementi del 4,4% per le autovetture, dell’1,6% per i motocicli e del 3,3% per tutti i veicoli.  I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito www.aci.it

Saldo ancora negativo nel settore delle quattro ruote per il rapporto tra radiazioni e prime iscrizioni: il tasso unitario di sostituzione ad agosto è stato pari a 0,76 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 76), attestandosi complessivamente a 0,67 nei primi otto mesi dell’anno,nonostante il lieve incremento del 2,9% registrato rispetto al mese di agosto 2016.

Ancora in terreno negativo, invece, le radiazioni dei motocicli che ad agosto hanno perso una quota dell’1,4% rispetto all’analogo mese del 2016.

 

 Nei primi otto mesi del 2017 le radiazioni hanno fatto registrare incrementi complessivi dell’1,8% per le autovetture e dell’1,6% per tutti i veicoli, a fronte di una flessione del 6,6% per i motocicli.