La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Il prossimo 12 ottobre 2017 Milano ospiterà la prima edizione dell’Italian Arab Business Forum, organizzato dalla Joint Italian Arab Chamber (JIAC), in collaborazione con Promos - Azienda Speciale della Camera di Commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi, Unione delle Camere di Commercio Arabe, e

realizzato grazie al contributo di Banca Intesa. L’evento, che si svolgerà nella prestigiosa cornice di Palazzo Turati, sede della Camera di commercio di Milano, Monza e Brianza e Lodi (via Meravigli 7, Milano), é patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e coinvolgerà numerosi esponenti delle istituzioni, della finanza e dell’imprenditoria italiana e araba.

Tutti i Paesi Arabi aderiscono alla Joint Italian Arab Chamber e – come ricorda il Presidente della JIAC Cesare Trevisani – “molti di questi saranno rappresentati al Forum per partecipare ad un’importante giornata di confronto sulle opportunità di  investimento nei mercati arabi e nel nostro paese, per favorire una più approfondita conoscenza delle diverse culture di business e per disegnare insieme un percorso di ulteriore crescita delle relazioni economico-istituzionali italo arabe”.

Lombardia e Paesi Arabi:  scambi per quasi 5 miliardi nei primi sei mesi del 2017 sui 25 nazionali.  Cresce l’import export italiano, + 11% in un anno. Traina Milano con circa 2 miliardi di euro e una crescita del 7% rispetto allo stesso periodo del 2016.

In particolare, l’export milanese è di circa 1,7 miliardi (+5,4%). Supera i 400 milioni di esportazioni Bergamo. Seguono Brescia con 373 milioni e Monza e Brianza con 354. Nell’import dopo Milano che supera i 300 milioni vengono Pavia con 240 milioni e Mantova con 189. I maggiori partner commerciali lombardi tra questi Paesi sono: nell’export Emirati Arabi Uniti con 780 milioni (+3,2%), Arabia Saudita con 670 milioni (+9,8%) ed Egitto con 574 (+47,9%). Nell’import superano i 200 milioni Arabia Saudita e Tunisia.

I macchinari rappresentano oltre un terzo delle esportazioni lombarde, i metalli il 15% e gli apparecchi elettrici il 10%. Bene anche chimica (9% del totale) e l’abbigliamento (9%, +10,7%). Prodotti chimici (26%) e dell’estrazione (20%) i più importati. Emerge da un’elaborazione della Camera di commercio di Milano, Monza Brianza e Lodi su dati Istat al secondo trimestre 2017 e 2016 relativi all’interscambio con Algeria, Arabia Saudita, Bahrein, Comore, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Gibuti, Giordania, Iraq, Kuwait, Libano, Libia, Marocco, Mauritania, Oman, Palestina, Qatar, Siria, Somalia, Sudan, Tunisia, Yemen.