La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

La Cina ha ordinato la chiusura delle aziende nord-coreane nel Paese. Le aziende di Pyongyang o in joint venture con gruppi cinesi avranno 120 giorni di tempo per chiudere i battenti. Lo ha reso noto il Ministero del Commercio di Pechino in una nota sul proprio sito web, in osservanza alle sanzioni approvate il

12 settembre scorso dal Consiglio di Sicurezza dell'Onu per l'ultimo test nucleare nord-coreano, compiuto da Pyongyang il 3 settembre scorso. Interessate dalla misura anche le aziende cinesi all'estero in joint venture con gruppi nord-coreani, anche se non viene fissata una data. Sabato scorso, il Ministero del Commercio cinese aveva annunciato limitazioni alle esportazioni verso Pyongyang di prodotti raffinati, che non potranno superare i due milioni i barili all'anno, a partire dal 1 ottobre prossimo, e ha vietato le importazioni di prodotti tessili dalla Corea del Nord, in osservanza all'ultima risoluzione delle Nazioni Unite dopo l'ultimo test nucleare di Pyongyang. (ICE SHANGHAI)