La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@Beko fornisce elettrodomestici per gli appartamenti di Fondazione Arché https://t.co/Hz3cmwbXA5 via @TribunaEconomic
Al via la nuova operatività strategica di @SACEgroup “green” https://t.co/WmuPaFsPOz“green”.html via @TribunaEconomic
-70,4% per le spese dei viaggiatori stranieri in Italia a ottobre 2020 https://t.co/A13xgSsv6b
#Riscaldamento degli #oceani: nel 2020 innalzato da un calore prodotto equivalente a 630 miliardi di… https://t.co/PpzzgdlQyL

Le start-up israeliane hanno raccolto quasi 600 milioni di dollari durante il mese di settembre, secondo i comunicati stampa rilasciati dalle aziende che hanno completato i round di finanziamento. La cifra potrebbe essere, parlatro, superiore poiche' alcune aziende preferiscono non pubblicizzare

l'ammontare degli investimenti ricevuti. Lo rende noto il quotidiano economico Globes.

L'elevata cifra di settembre, ben al di sopra della media mensile di $ 300- $ 400 milioni, è dovuta a un round di finanziamento di $ 250 milioni dalla compagnia di ridesharing Via, guidata da Daimler. Innoviz, un'altra start-up del settore auto-tech, che sviluppa sensori laser, ha raccolto 65 milioni di dollari, inclusi gli investimenti dei fornitori di automobili Tier 1 Delphi e Magna. Anche nel settore automobilistico, StoreDot, che sta sviluppando una batteria di ricarica rapida, ha raccolto 60 milioni di dollari, anche in questo caso grazie ad un investimento di Daimler.

Complessivamente le start-up israeliane hanno raccolto quasi 1,2 miliardi di dollari nel terzo trimestre. 

Secondo il centro studi IVC-Research le startup israeliane hanno raccolto 1 miliardo di dollari nel primo trimestre e 1,3 miliardi di dollari nel secondo trimestre, per un totale di 3,5 miliardi di dollari, risultato leggermente inferiore a quello del 2016 pari a 4,8 miliardi di dollari.

Altre operazioni finanziarie concluse nel mese di settembre includono 35 milioni di dollari raccolti dalla società di contenuti digitali Playbuzz, 32,5 milioni di dollari dalla compagnia costruttrice di droni Airobotics, 25 milioni di dollari raccolti dalla società di sicurezza Cyber Security Aqua Security e 16 milioni di dollari raccolti dalla società di archiviazione flash Elastifile.

 

Le operazioni del settore medtech sono state prominenti nell'attivita' di raccolta fondi a settembre anche se per importi piu' contenuti. Augmedics ha raccolto 8,5 milioni di dollari, Enlivex Therapeutics 8 milioni di dollari e lo sviluppatore di transcatheter Magenta Medical 15 milioni di dollari.  (ICE TEL AVIV)