La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Fondo Monetario Internazionale (FMI) ha pubblicato le stime sulla crescita economica a livello mondiale rivedendo al ribasso quelle relative al Regno Unito . Il PIL britannico che nel 2016 era cresciuto dell`1,8%, nell`anno in corso si attestera` ad un +1,7%, mentre nel 2018 la crescita sara` solo di un +1,5%.

Gia` nel corso del mese di Luglio scorso il FMI aveva tagliato le stime dal +2% all`attuale +1,7%. La GB sta dunque mancando l`aggancio alla ripresa mondiale secondo gli economisti dell`FMI soprattutto a causa della riduzione dei consumi interni dovuta anche alla svalutazione della sterlina. Inoltre l` FMI segnala che "l`alta incertezza" dovuta alla brexit pone ombre sull`econonomia del paese e che solo nei difficili anni settanta si era verificata una situazione similare ("speriamo che sia solo una fase congiunturale e non strutturale" concludono a Washington). Crescono oggi -secondo le fonti locali- le ipotesi di un aumento dei tassi di interesse da parte della Bank of England. (ICE LONDRA)