La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo l’ultimo rapporto della Banca Centrale cilena, l’indice mensile dell’attività economica (IMACEC) è aumentato dell'1,3%  nel mese di settembre 2017, rispetto allo stesso mese del 2016. La serie destagionalizzata ha mostrato un aumento dello 0,1% rispetto al mese precedente e del  1,8% in 12 mesi.

A questo risultato hanno contribuito l'aumento dell'8,5% del settore minerario e dello 0,7% del settore non minerario, in particolar modo dovuto all'aumento dei settori servizi e commercio, che hanno compensato in parte la diminuzione del settore delle costruzioni.

In termini destagionalizzati rispetto al mese precedente, l'IMACEC del settore minerario ha presentato una flessione dello 0,4% e quello non minerario non ha registrato variazioni.

 

Con questi indicatori e in attesa della pubblicazione ufficiale della Banca Centrale il prossimo 20 di novembre, nel terzo trimestre l'economia cilena avrebbe mostrato una crescita del  2,2% . (ICE SANTIAGO)