La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Con la registrazione da parte della Corte dei Conti, avvenuta lo scorso 26 marzo, diventa pienamente operativa la revisione delle tariffe INAIL che prevede risparmi in media del 30% per le aziende. Si tratta di un provvedimento nato su impulso del Ministro Luigi Di Maio che proprio di recente, in occasione

dell'assemblea di Confartigianato, aveva ricordato il proprio impegno sull'argomento.

I Decreti interministeriali del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministro dell'Economia e delle Finanze, segnano una svolta rispetto al precedente sistema tariffario e si allineano alle più recenti evoluzioni del mondo del lavoro: entrano nelle tariffe le attività legate alle nanotecnologie e ai riders.

I tre Decreti sono stati pubblicati oggi nella sezione "Pubblicità legale" del sito del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e riguardano le "Nuove tariffe dei premi per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali delle gestioni Industria, Artigianato, Terziario e Altre attività", la "Nuova tariffa dei premi speciali unitari per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali dei titolari di aziende artigiane, dei soci di società fra artigiani lavoratori, nonché dei familiari coadiuvanti del titolare" e la "Nuova tariffa dei premi della gestione Navigazione".

I provvedimenti non riguardano soltanto il versante economico ma puntano anche alla semplificazione richiesta dalle imprese: le voci tariffarie sono scese da 739 a 595, grazie all'eliminazione di quelle obsolete poiché riferite a contesti produttivi ormai superati.