La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Le principali società giapponesi si impegneranno per portare al 30% il numero di donne facenti parte dei loro consigli d’amministrazione entro la fine del 2030. Da, ieri 1° maggio, è stata lanciata in Giappone la campagna del “30% Club”. Il Giappone è il 14° paese ad aderire all'iniziativa.

Le aziende partecipanti promuoveranno una più alta partecipazione femminile nella leadership delle loro organizzazioni - almeno il 10% entro la fine del 2020 e il 30% entro la fine del 2030. Nel 2017, le donne hanno costituito solo il 6,5% tra i dirigenti aziendali, includendo i Consigli d’Amministrazione e i Collegi Sindacali, delle 100 maggiori società giapponesi. Al 23 aprile, 32 leader di aziende e organizzazioni hanno aderito al Club. Tra essi, Masahiko Uotani, presidente della Shiseido, e Makoto Gonokami, presidente dell'Università di Tokyo. (ICE TOKYO - NIKKEI ASIAN REVIEW)