La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Su invito dell’Ambasciatore d’Italia Antonio Bernardini, il Presidente della Banca Nazionale per lo Sviluppo Economico e Sociale (BNDES), Joaquim Levy, ha incontrato presso il Consolato Generale d’Italia a Rio de Janeiro le principali imprese italiane già operanti in

Brasile o intenzionate ad investire su questo mercato. Il Presidente Levy ha illustrato le nuove linee direttrici della Banca dopo il suo insediamento lo scorso 7 gennaio, soffermandosi sulle opportunità per le imprese italiane. Successivamente, sono state approfondite le prospettive di investimento nelle infrastrutture, le sfide dell’industria e la transizione verso l’economia a basse emissioni di carbonio in Brasile. "L’evento - ha dichiarato l'Ambasciatore Bernardini - si inserisce nel quadro delle iniziative organizzate dall’Ambasciata per sostenere la proiezione delle imprese italiane su questo mercato a seguito della formazione del nuovo Governo brasiliano". "Le infrastrutture, l'energia sostenibile e l'industria - ha aggiunto - rappresentano alcune delle principali aree di potenziale sviluppo della presenza imprenditoriale italiana in Brasile”. Ad oggi le imprese italiane sono presenti in Brasile con oltre 1000 filiali e stabilimenti produttivi, che contribuiscono in maniera significativa alla creazione di posti di lavoro. Secondo i dati diffusi a fine aprile dal Ministero dell’Economia brasiliano, nel 2018 l’Italia, per investimenti in Brasile, ha superato Cina, Stati Uniti, Giappone e Francia, soprattutto grazie all'impegno delle nostre imprese nel comparto energia. Per il 2018 Il flusso di investimenti annunciati dall'Italia ammontava a circa 3,5mld di dollari. Quelli per il primo trimestre del 2019 erano pari a quasi 5 miliardi di dollari.  (Farnesina)