La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Le esportazioni polacche di materie prime sono aumentate del 10% annuo a febbraio, la più alta crescita dall'ottobre dello scorso anno, nonostante il rallentamento economico in atto dei principali partner commerciali della Polonia. Alcuni economisti avevano stimato un

aumento medio del 7,2% a febbraio, dopo una crescita del 4,1% a gennaio. I dati della banca centrale NBP si sono rivelati sorprendenti, in particolare perché anche il risultato di gennaio è stato rivisto al rialzo del 5%. La crescita esponenziale delle esportazioni a febbraio è certamente dovuta anche alla bassa base dello scorso anno, ma gli economisti credono che gli esportatori polacchi rimangano immuni alla crisi economica dell'Europa occidentale. Viene evidenziato inoltre che lo sviluppo è il risultato della crescente quota del commercio polacco nelle importazioni tedesche, a dimostrazione della competitività di prezzo delle imprese polacche.  (ICE VARSAVIA)