La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo il regular economic report della Banca mondiale sui Balcani occidentali, l'economia albanese è cresciuta del 4,2% nel 2018, trainata da un aumento della produzione di energia dovuta a condizioni idrologiche “eccezionalmente favorevoli” e alla crescita dei

servizi turistici e dei consumi delle famiglie scaturita da un aumento dell'occupazione e dei salari. L'espansione del credito, soprattutto al consumo, ha sostenuto la domanda e l'occupazione, le esportazioni nette hanno contribuito all’aumento dell’1,3% del Pil, grazie alle esportazioni di energia idroelettrica e a una fiorente stagione turistica. Secondo l'istituto finanziario con sede a Washington, nel 2018 la crescita economica, il consolidamento fiscale e la gestione attiva del debito hanno inoltre contribuito a ridurre la quota di debito pubblico albanese, dal 71,8% del 2017 al 68,6% del Pil nel 2018. (ICE Tirana - Agenzia Nova)