La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Un aiuto alle aziende impegnate nella trasformazione locale del caucciù arriva dal governo ivoriano Il ministro del Commercio e dell’Industria, Souleymane Diarrassouba, ha firmato con 12 aziende una convenzione che prevede agevolazioni fiscali per

investimenti nella filiera. L’obiettivo è doppio: da un lato, sviluppare la trasformazione locale di un prodotto che cresce localmente, l’albero da gomma, dal quale si estrae il lattice per il caucciù; dall’altra, assorbire il sovraccarico di produzione non trattata entro il 2023.

Secondo il ministro Diarrassouba, nel 2019, la produzione nazionale di gomma è stata di 780.000 tonnellate ma solo 519.000 sono state trasformate. Entro i prossimi tre anni, si stima che dovrebbero essere trasformate 400.000 tonnellate. Attualmente, circa il 55% della produzione di lattice è trasformata in Costa d’Avorio. Gli operatori della filiera sono in difficoltà a causa del crollo del prezzo del caucciù subito tra il 2011 e il 2016. La Costa d’Avorio è il settimo produttore mondiale di gomma naturale e il primo esportatore africano.  (ICE ACCRA - Info Africa)