La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

A seguito dello shock causato della pandemia di coronavirus,la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) e l'Unione europea (UE) aumenteranno il sostegno alle piccole e medie imprese (PMI) nei Balcani occidentali fornendo i finanziamenti aggiuntivi.

La BERS fornirà fino a 70 milioni di euro attraverso le nuove linee di credito, tramite diverse istituzioni finanziarie, alle società in Albania, Bosnia ed Erzegovina, Kosovo, Montenegro, Macedonia del Nord e Serbia

."L'UE sta completando questi fondi con ulteriori 15 milioni di euro mirati ad identificare le migliori tecnologie disponibili per consentire alle PMI ad aumentare la competitività e effettuare il passaggio ad un'economia verde", riporta la comunicazione. I paesi dei Balcani occidentali hanno reagito allo scoppio della pandemia di coronavirus con rigide misure di sanità pubblica che hanno avuto un grave impatto economico.

I paesi soffrono inoltre di una recessione economica globale e di una domanda esterna in calo. La BERS e l'UE, attraverso il Team Europa, supportano le PMI nella loro ambizione di diventare più competitive e trovare soluzioni innovative per le nuove sfide. (ICE PODGORICA)