La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Gli scienziati e gli ingegneri cinesi non hanno dubbi: il 2021 non è stato un anno come un altro per la scienza e la tecnologia. In un mondo che prova a frenare la corsa del virus, si sono registrati significativi progressi scientifici e tecnologici nell’esplorazione dello spazio, nella scienza quantistica

e nella battaglia contro il Covid. È il 15 maggio scorso quando Zhang Rongqiao, capo progettista della prima missione cinese su Marte, si asciuga le lacrime mentre la sonda Tianwen-1 atterra in sicurezza sul pianeta rosso.

È stata la prima missione cinese di successo sull’inesplorato pianeta: un passo da gigante per l’esplorazione dello spazio profondo. Lanciato il 23 luglio 2020, Tianwen-1 è arrivato su Marte a febbraio 2021 e ha fatto cadere il lander e il rover a maggio. D'allora, il rover Zhurong ha percorso più di 1.200 metri sul pianeta e ora si sta dirigendo verso una regione che potrebbe aver accolto un antico oceano, alla ricerca di indizi sull’evoluzione di Marte.

All’inizio di dicembre, Zhang è stato incluso nella lista di Nature dei 10 protagonisti di grandi storie scientifiche nel 2021. “Ci vogliono dieci anni per affilare una buona spada” ha detto Zhang citando un vecchio detto cinese.