La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

@GruppoBPER_PR nuovo assetto dell’area commerciale. Tre strutture sono il perno dei nuovi servizi al cliente… https://t.co/4lM6BROppy
notizie edizione online Federturismo Confindustria Ministero D. Confindustria Canavese https://t.co/szzGFiNCh6

 

La Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina ha organizzato, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e Agenzia ICE, il seminario “The Multilateral Development Banks come to Italy”. L’evento si è tenuto il 10 novembre presso la Fiera di Rimini nel

quadro delle manifestazioni “Ecomondo” e “KeyEnergy”, le più importanti fiere di riferimento in Europa per l’innovazione tecnologica e industriale nei settori della sostenibilità e delle energie rinnovabili.

L’Ambasciatore Lorenzo Angeloni, Direttore Generale per la Promozione del Sistema Paese, è intervenuto all’evento valorizzando l’azione intrapresa dal MAECI a sostegno dell’internazionalizzazione del sistema economico. L’Amb. Angeloni ha altresì illustrato le tuttora inesplorate opportunità per le PMI italiane nell’ambito dei fondi messi a disposizione dalle Banche Multilaterali di Sviluppo (World Bank, African Development Bank, Inter-American Development Bank, Asian Development Bank, European Bank for Reconstruction and Development, European Investment Bank).

“Ci sono molte vie per rendere l’economia italiana più internazionale: la conquista di più quote di mercato, le acquisizioni all’estero, l’attrazione degli investimenti in Italia e la partecipazione ai progetti delle Banche Multilaterali di Sviluppo”, ha osservato l’Ambasciatore. Quest’ultima “è una via più complessa, forse meno nota, ma è un’ottima e grande occasione per poter comprendere meglio le procedure per poi inserirsi in un flusso importantissimo per quanto riguarda la capacità delle nostre aziende, già oggi competitive in molti settori nella rete internazionale” ha proseguito, sottolineando che sia a livello di sistema di supporto pubblico che in termini di tessuto imprenditoriale “abbiamo gli strumenti necessari per competere a livello internazionale”.