La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

I TWEET

Interviste edizione cartacea e online #brasile #ambasciatore Ambasciata del Brasile a Roma  #HelioRamos https://t.co/Hp6yu2V6Zk
@allianztrade -@santander_sw CIB #two , #partnership per sviluppare una nuova soluzione Bnpl B2B dedicata alle m… https://t.co/RyjUmhbXXF
Italy: @UniCredit_IT - €750 million in additional loans to SMEs and mid-caps thanks to the EIB Group’s investment… https://t.co/LHLOYh8ABT
Alleanza tra @Enel e @costacrociere a favore della mobilità marittima sostenibile https://t.co/ANzMbeQk0r via @TribunaEconomic

 

L'anno scorso gli Stati Uniti hanno registrato vendite di libri stampati superiori del 12% rispetto a quelle del 2019, nonostante un passo indietro nelle performance della stagione delle vacanze. Nel suo rapporto finale del 2022, Kristen McLean, direttore esecutivo di NPD Books e analista del settore, scrive: "Questa stagione festiva ci ha

ricordato che siamo ancora in un territorio inesplorato nel mercato dei consumi degli Stati Uniti e che è importante prendere ogni settimana come viene".

In effetti, riferisce l'autrice, il mercato statunitense ha registrato vendite di libri stampati per il 2022 pari al 3% del 2020 e al 12% in più rispetto al 2019 su base unitaria. Ciò qualifica l'anno scorso come il secondo più alto in termini di performance della stampa da quando NPD BookScan ha iniziato a monitorare il mercato. L'ironia, sottolinea l'autrice, è che rispetto alla stagione delle vacanze del 2021, le 13 settimane conclusive del 2022 sono calate dell'8%. Questo, nonostante il fatto che la performance di dicembre sia stata migliore, dice, "grazie agli acquisti differiti e alle ultime due settimane relativamente forti".

"Questo ha fatto sì che la performance complessiva da un anno all'altro sia scesa del 5,8% su base unitaria e del 5% su base $MSRP, con volumi rispettivamente di 780 milioni di unità e 14 miliardi di dollari". McLean - il cui servizio di dati sui punti vendita si concentra sulla stampa, ricordiamo, piuttosto che su altri formati - afferma che "buona parte del comportamento di acquisto e di lettura iniziato durante la pandemia è ancora presente, anche se non tutte le aree del business ne stanno beneficiando allo stesso modo". E a proposito dell'osservazione sul "territorio inesplorato", scrive: "Rimangono grandi domande sui consumatori di libri mentre guardiamo al 2023". In prospettiva, quest'anno è pieno di incognite". (ICE CHICAGO)