La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Nella presentazione in novembre della ricerca “Saudi Arabia Business Optimistic Index”, relativa al terzo quadrimestre del 2009, realizzata dalla National Commercial Bank, in collaborazione con Dun & Bradstreet South Asia Middle East Ltd, e’ stato messo in
evidenza il positivo trend di crescita dell’economia saudita raggiunto in tale periodo ed in previsione ipotizzato per il 2010 un aumento del PIL del +4%, con conseguente progressivo superamento della fase di contrazione (anche se piu’ contenuta di altre economie), registratasi nel 2009 a causa della crisi internazionale.
Vi e’ concordanza da parte degli analisti sulla progressiva crescita dell’economia saudita per il 2010 e sul decremento dell’inflazione che, dal 5,1% del 2009, dovrebbe attestarsi al 4,6% nel 2010.
Analoga crescita del PIL (+4%) e’ prevista dal Gruppo finanziario internazionale HSBC per i Paesi del Golfo (GCC), con la rilevazione che la contrazione della crescita economica registratasi nel 2009 ha determinato un aumento della disoccupazione, soprattutto per Arabia Saudita, EAU e Kuwait ed una caduta media del reddito pro-capite del -17%.
Un calo del 12% delle importazioni saudite e’ previsto nel 2009, rispetto al precedente anno (89 miliardi di USD, contro 100,6 miliardi di USD) dalla Banque Saudi Faransavi ed ipotizzato da SAMA (Banca Centrale Saudita) un surplus della bilancia commerciale, per un relativo maggiore decremento dell’import rispetto all’export.
Positive sono le stime sull’espasione del credito, grazie ai finaziamenti concessi alle partnerships pubblico-private.