La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Sono stati pubblicati nella Gazzetta Ufficiale n. 274 del 24 novembre 2009, a cura del dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, gli avvisi pubblici per la presentazione di progetti da finanziare, nell’ambito del Programma europeo
solidarietà e gestione dei flussi migratori, con il Fondo europeo per i rimpatri (FR) per un totale di 2.493.171 euro, il Fondo europeo per i rifugiati (FER) per un totale di 6.168.000 di euro e il Fondo europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi (FEI) per un totale di 4.766.666 euro.
Il 30 novembre 2009 parte la procedura telematica per inoltrare i progetti, che riguardano azioni da realizzare sul territorio in favore dei cittadini di Paesi non appartenenti all’Unione europea, regolarmente soggiornanti, richiedenti asilo e rifugiati.
I progetti dovranno essere presentati mediante procedura telematica, tramite il sito del ministero dell’Interno - Fondi unione europea, a partire dal 30 novembre 2009. A tal fine dotarsi di casella di posta elettronica certificata (PEC) e firma digitale.
Fondo europeo per i rimpatri
Cinque gli avvisi pubblici con i quali saranno finanziati progetti, a carattere di sistema e/o a valenza territoriale, con le risorse del Fondo Fondo europeo per i rimpatri (periodo 2008-2013). Queste le azioni da realizzare:
1.       Prosecuzione della mappatura delle principali comunità migranti in Italia per mettere a punto modalità comunicative e divulgative del rimpatrio volontario assistito e della reintegrazione.
2.       Programmi di rimpatrio volontario assistito e reintegrazione nei paesi di origine per gruppi vulnerabili specifici.
3.       Istituzione di un sistema di informazione per gli immigrati con supporti cartacei e multimediali multilingue.
4.       Consolidamento della rete di riferimento nazionale di operatori e autorità locali, nonché rafforzamento della collaborazione e dello scambio di informazioni tra tutti gli stakeholders coinvolti nella gestione del processo di rimpatrio.
5.       Scambio di esperienze e formazione degli operatori competenti in materia di rimpatri volontari.
Termine per presentare le proposte: 15 gennaio 2010 per le 'Azioni a carattere di sistema'; 25 gennaio 2010 per le 'Azioni a valenza territoriale'.
Fondo europeo per i rifugiati
Nove gli avvisi pubblici per finanziare progetti, a carattere di sistema' e/o 'a valenza territoriale', con le risorse del Fondo europeo per i rifugiati (programma annuale 2009), nell'ambito del programma generale 'Solidarietà e gestione dei flussi migratori 2007-2013'. Queste le azioni da realizzare:
1.       Realizzazione ed avvio sperimentale di un programma pilota per le procedure di riconoscimento dei titoli di studio dei beneficiari di protezione internazionale, con il coinvolgimento dei Ministeri interessati.
2.       Realizzazione di uno studio di fattibilità sulle opportunità di micro-credito in favore di titolari di protezione internazionale che abbiano un progetto personale di istruzione secondaria o universitaria, ovvero di imprenditorialità. Lo studio dovrà prevedere una sezione dedicata a donne titolari di protezione internazionale.
3.       Elaborazione di un manuale operativo, per favorire tra i richiedenti protezione internazionale l’emersione di specifiche vulnerabilità e destinato in via prioritaria agli operatori attivi nei centri di accoglienza (CARA - Centri di Accoglienza per Richiedenti Asilo; CSPA - Centri di Soccorso e Prima Accoglienza; CDA - Centri di Accoglienza).
4.       Pubblicazione e diffusione di linee guida, che prevedano un approccio alla “accoglienza integrata”, particolarmente rivolte all’accoglienza di richiedenti/titolari di protezione internazionale, appartenenti a categorie vulnerabili.
5.       Attuazione di progetti in prossimità dei CARA e/o dei centri SPRAR, che prevedano misure riabilitative, anche di tipo residenziale, di vittime di violenza e torture e di portatori di disagio mentale. Tali misure possono includere interventi di carattere psicosociale e attività (culturali, sportive, sociali ecc) funzionali al percorso integrativo.
6.       Attuazione di progetti per sostenere i percorsi socio-economici di soggetti appartenenti alle categorie vulnerabili, con particolare attenzione ai minori non accompagnati.
7.       Azione di inserimento abitativo, mediante servizi di orientamento, intermediazione e supporto, rivolti a nuclei familiari monoparentali.
8.       Allestimento presso i centri di accoglienza o nelle aree di riferimento del centro di “Uffici di contatto - sportelli operativi”.
9.       Realizzazione di uno studio di fattibilità, per definire le prospettive di sviluppo delle politiche di asilo in Italia, compresa un’analisi per individuare il bisogno di accoglienza insoddisfatto.
Termine per presentare le proposte: 15 gennaio 2010 per le 'Azioni a carattere di sistema'; 25 gennaio 2010 per le 'Azioni a valenza territoriale'.
Fondo Europeo per l'Integrazione di cittadini di Paesi terzi
Tre gli avvisi pubblici con i quali saranno finanziati progetti, a valenza territoriale, con le risorse del Fondo europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi terzi, nell'ambito del programma generale 'Solidarietà e gestione dei flussi migratori'. Queste le azioni da realizzare, individuate dal programma annuale FEI 2009:
1.       Progetti giovanili.
2.       Iniziative di mediazione culturale.
3.       Iniziative di mediazione sociale e promozione del dialogo interculturale.
Termine per presentare le proposte: 15 gennaio 2010.