La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Secondo gli ultimi dati pubblicati da Statistics Canada, il paese non è più in recessione, anche se le cifre registrate sono inferiori alle attese. L’Agenzia segnala infatti che il Prodotto Interno Lordo è cresciuto dello 0,4 nel terzo trimestre del 2009

mentre gli analisti si aspettavano una crescita del 1%. Si tratta tuttavia del primo aumento dopo tre diminuzioni consecutive registrate negli ultimi trimestri. I dati riportati dell’Ente statistico parlano, per il terzo semestre 2009, di un aumento dei consumi dello 0,8%, di un aumento delle spese per l’acquisto di beni durevoli del 2,4%, sostenute dalla vendita di autoveicoli e mobili, di un aumento degli investimenti in immobilizzazioni delle imprese del 5,9%. Significativo anche l’aumento dello 0,6% nel settore dei servizi, che abitualmente subiscono per primi le conseguenze di una contrazione economica, grazie al commercio ed al mercato immobiliare. L’estrazione mineraria, di petrolio e gas ha pesato negativamente in ragione delle chiusure temporanee delle industrie. I volumi delle importazioni e delle esportazioni sono entrambi aumentati dopo alcuni mesi di diminuzione. Ancora una volta sono le esportazioni di automobili che guidano la crescita nel terzo trimestre 2009 con un aumento del 28%. Sul fronte delle importazioni, le automobili hanno registrato una cresciuta del 8%, dopo quattro mesi di diminuzioni. Statistics Canada nota che il potere di acquisto dei Canadesi è cresciuto nel terzo trimestre dello 0,8% mentre il tasso di risparmio degli individui è diminuito portandosi al 4,8%.