La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

Il Consiglio europeo ha adottato una direttiva che fornirà sostegno agli stati membri nella lotta all’evasione fiscale e le frodi ampliando il campo di applicazione dello scambio automatico di informazioni. Con la direttiva gli interessi, i dividendi, i ricavi lordi provenienti da attività finanziarie e

altri redditi, così come i conti correnti, rientreranno nel campo di applicazione dello scambio automatico di informazioni. Tale direttiva modifica la direttiva 2011/16/UE sulla cooperazione amministrativa in ambito di tassazione diretta.

La direttiva tende ad ostacolare quei cittadini che portano capitali o beni all’estero per sfuggire al pagamento delle imposte nel paese in cui queste sarebbero dovute e migliora l’efficienza della riscossione dei tributi. “L’adozione della direttiva rivista sulla cooperazione amministrativa costituisce un progresso cruciale nella lotta all’evasione fiscale”, ha dichiarato Pier Carlo Padoan, ministro italiano per l’Economia e le finanze. “Segna la fine del segreto bancario nell’Unione Europa. Noi, gli stati membri, siamo un esempio a livello internazionale”.