La presente informativa è resa, anche ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (“Codice Privacy”) 
e degli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”), a coloro che si collegano alla presente edizione online del giornale Tribuna Economica di proprietà di AFC Editore Soc. Coop. 

Leggi di più

La BERS (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo) ha recentemente diramato i dati relativi alla propria attività finanziaria a sostegno del Regno del Marocco. Il Paese è membro della BERS sin dal 1991, ma solo nel2011 ha richiesto di essere beneficiario degli interventi della Banca. A partire dal 2012, infatti, la BERS ha avviato

le operazioni di finanziamento di progetti di sviluppo in Marocco. Ad oggi, gli investimenti effettuati dalla Banca nel Regno ammontano a 380 milioni di euro per l'attuazione di 17 progetti, di cui metà in favore al settore privato. I settori di destinazione delle operazioni BERS nel Paese sono: energia (28 % dell'importo), il settore finanziario (27 %), le infrastrutture (26 %), l'industria, il commercio e l'agroalimentare (17 %), altri (2 %). La BERS ha inoltre concesso 130 milioni di euro in linee di credito in favore delle banche marocchine, con l'obiettivo di agevolare il commercio estero. La Banca Europea per la Ricostruzione e Sviluppo ha inoltre fornito assistenza tecnica ad oltre 135 piccole e medie imprese marocchine. Laurent Chabrier, direttore della BERS in Marocco, ha dichiarato che le linee-guida dell'operato della Banca nel Paese sono: il finanziamento delle infrastrutture, lo stimolo all'imprenditoria, il sostegno al processo di decentralizzazione e lo sviluppo del locale mercato finanziario. Laurent Chabrier ha infine fatto presente come le operazioni della BERS si collochino in,una logica di complementarietà rispetto alle azioni condotte da altri organismi internazionali come la Banca Mondiale, la Banca Africana di Sviluppo, la Banca Islamica di Sviluppo, la tedesca KFW.  (ICE CASABLANCA)